https://www.traditionrolex.com/30 SEMBRA VIVO A PALAZZO BONAPARTE-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Giugno 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7878
Articoli visitati
5838957
Connessi 28

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
16 giugno 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

SEMBRA VIVO A PALAZZO BONAPARTE

LA GRANDE MOSTRA DI SCULTURE IPERREALISTE DEI PIÙ GRANDI ARTISTI CONTEMPORANEI
venerdì 26 maggio 2023 di Patrizia Cantatore

Argomenti: Mostre, musei, arch.


Segnala l'articolo ad un amico

Si apre oggi 26 maggio e fino all’8 ottobre 2023 per la prima volta in Italia, la stupefacente Mostra dedicata alla scultura iperrealista internazionale attraverso le opere dei suoi più importanti artisti, prodotta da Arthemisia con il Kulturausstausch di Germania.

Si tratta di 43 mega-installazioni prese da opere di 29 artisti i più importanti nella scena internazionale tra cui Maurizio Cattelan, Ron Mueck, George Segal, Carole Feuerman, Berlinde de Bruyckere, Sam Jinks, Patricia Piccinini, John De Andrea, Brian Both Craig e altre superstar del contemporaneo, sculture artistiche impressionanti difficili da distinguere da un corpo vero proprio per la capacità non solo di riprodurre il corpo umano ma anche la texture della pelle, la trasparenza dell’incarnato.

JPEG - 27.2 Kb
Maurizio Cattelan Ave Maria

Il ritorno alla rappresentazione realistica dell’umanità nell’arte del Novecento è avvenuto dopo anni segnati da guerre, crisi economiche, degrado sociale e culturale, la Pop Art, il nouveau réalisme, il fotorealismo e la scultura iperrealista hanno di fatto aperto nuovi scenari nei quali sperimentare modi diversi di rappresentare l’individuo e la società contemporanea.

JPEG - 30.7 Kb
Sam Jinks Woman and child

Come ha sottolineato Maximilian Letze, curatore insieme a Nicolas Ballerio, l’esposizione è nata da un’idea dell’Istituto per gli scambi culturali di Tubinga all’indomani del successo della retrospettiva sulla natura della pittura fotorealistica “Photorealisme: 50 Years of Hyperrealistic Painting” a seguito della quale, si è pensato di indagare e allestire una mostra complementare con l’intento di analizzare la scultura iperrealista.

JPEG - 33 Kb
Feuerman Catalina

Se nei pittori fotorealisti l’interesse principale è il rapporto tra aspettativa e percezione reale dell’osservatore, gli scultori iperrealisti o “superrealisti” si pongono la questione della vera natura dell’esistenza umana. Negli anni Settanta era cresciuto l’interesse per la quotidianità sociale e per la riproduzione minuziosa, opere che non possono essere variamente interpretate dai media, che sono spiegate con dovizia per evitare fraintendimenti, artisti come George Segal e Duane Hansono hanno puntato la loro lente sulla vita del cittadino medio con i suoi obblighi e impegni quotidiani all’interno di un mondo sempre più complesso.

Nella società odierna globalizzata, la ricerca di una identità culturale attraverso le immagini sta diventando sempre più transnazionale con uno sgretolamento dell’idea di un Io integro ed indiviso, gli artisti iperrealisti stanno interpretando a loro modo questo cambiamento in forme e criteri diversi. Troviamo perciò opere che presentano corpi trasformati, disarticolati, aggrediti e digeriti, sezionati, dalla consistenza artificiale o superficiale a sottolinearne la qualità ultraterrena.

JPEG - 26.6 Kb
Marc Sijan embraace side view

La mostra si articola in sei sezioni su due piani e mostra le possibilità infinite degli iperrealisti di esprimersi, ogni sezione parte da un concetto centrale rispetto alla forma ed offre una serie di opere degli artisti proposti. Una selezione di opere che offre non solo una panoramica condensata sull’iperrealismo e la sua traiettoria, mostrando quanto la rappresentazione della forma umana sia stata ed è soggetta a continui cambiamenti, ma osa avventurarsi anche nella rappresentazione di realtà deformate come rappresentazioni umane viste da prospettive distorte o di animali come i “Piccioni” di Cattelan o di forme animali mutate frutto di deviazioni, allevamenti, innesti.

Gli artisti presenti provengono da vari paesi: Stati Uniti, Italia, Spagna, Belgio, Gran Bretagna, Australia etc. sottolineando l’espansione del fenomeno del movimento iperrealista che continua a svilupparsi ed evolversi in ogni parte del mondo.

Una mostra da non perdere, stupefacente, emozionale e democratica, accessibile anche a chi non sa nulla di arte contemporanea, perché è Arte che parla dell’Essere Umano e delle sue relazioni umane.

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30