https://www.traditionrolex.com/30 ENRICO ONOFRI E IMAGINARIUM ENSEMBLE-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Giugno 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7897
Articoli visitati
5883215
Connessi 18

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
20 giugno 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

ENRICO ONOFRI E IMAGINARIUM ENSEMBLE

ACCADEMIA FILARMONICA ROMANA
sabato 29 aprile 2023 di Comunicato Stampa

Argomenti: Arte, artisti


Segnala l'articolo ad un amico

Enrico Onofri e Imaginarium Ensemble, rinomati interpreti del repertorio barocco su strumenti storici, in concerto al Teatro Argentina per la stagione dell’Accademia Filarmonica Romana giovedì 4 maggio.

Un viaggio nella musica strumentale dal primo Seicento al tardo barocco fra rarità e brani più celebri.

Il concerto si inserisce nella rassegna “La musica da camera dal barocco al contemporaneo” sostenuta dalla Regione Lazio con il Fondo Unico 2023 sullo Spettacolo dal Vivo

Ultimo concerto al Teatro Argentina per l’Accademia Filarmonica Romana giovedì 4 maggio (ore 21) con un omaggio alla musica strumentale del primo Seicento fino al tardo barocco affidato al violinista e direttore Enrico Onofri e all’ensemble da lui fondato Imaginarium Ensemble, formato per quest’occasione da Alessandro Palmeri (violoncello), Simone Vallerotonda (arciliuto) e Riccardo Doni (clavicembalo).

Fra i più rinomati interpreti del repertorio del Sei-Settecento, fin dai primi studi musicali Enrico Onofri ha sviluppato una profonda passione per le esecuzioni storiche; la conoscenza delle antiche prassi sono diventate per lui fonte di ispirazione per nuove idee e panorami interpretativi. La sua carriera iniziata ancora studente con l’invito di Jordi Savall come primo violino de La Capella Real, oggi, fra le tante collaborazioni maturate, lo ha portato ad essere direttore principale della Filarmonica Toscanini di Parma, direttore della Haydn Philharmonie, nonché direttore musicale dell’Accademia Montis Regalis (una delle migliori compagini orchestrali con strumenti antichi a livello internazionale) e della Real Câmara Baroque Orchestra.

JPEG - 17.6 Kb
Enrico Onofri

“Non udite lo parlare?” è il titolo del concerto che presenta un programma, interamente eseguito su strumenti storici, dedicato al rapporto tra voce umana e virtuosismo strumentale italiano dal primo Seicento sino al tardo Barocco. Il Seicento fu epoca di grande fermento che – accanto alla nascita dell’opera – vide gli strumenti musicali affrancarsi dal semplice ruolo di sostegno delle voci. All’inizio del diciassettesimo secolo il violino comincia dunque la propria emancipazione dal repertorio vocale, grazie alla stampa di brani espressamente dedicati a questo strumento da parte di alcuni virtuosi. Nell’esplorare i sottili diaframmi che separano voce e strumento, il concerto sarà occasione per ascoltare musica oggi di raro ascolto di autori come Giovanni Paolo Cima, Richardo Rognoni, Dario Castello, accanto ai nomi più celebri, e di qualche decennio successivo, di Antonio Vivaldi, Alessandro Stradella e Arcangelo Corelli. Era proprio quest’ultimo nel mostrare ai propri allievi la sublime arte del suo arco. che diceva loro "Non udite lo parlare?”.

JPEG - 14.1 Kb
Imaginarium Ensemble

“Il primo cinquantennio del Seicento – racconta Onofri – è un’epoca magica, una terra di confine dove la dotta prassi compositiva di ispirazione vocale si fonde con la ricerca timbrica ed idiomatica strumentale; un’epoca dove, grazie all’emancipazione da un testo che supporti gli affetti musicali, lo strumentista-compositore è costretto ad andare oltre, creando quel metalinguaggio che è il canto senza parole degli strumenti – espressione a volte sottile, a volte potente, di immagini complesse e di passioni non meno intense di quelle evocate dai testi poetici”.

Link foto https://www.dropbox.com/sh/iwzu1ud3...

Biglietti: Teatro Argentina da 16 a 26 euro, ragazzi fino a 14 anni 9 euro.

Info: filarmonicaromana.org, tel. 342 9550100, promozione@filarmonicaromana.org

::::

TEATRO ARGENTINA giovedì 4 maggio ore 21

"NON UDITE LO PARLARE?" La parola al violino nell’età del Barocco

IMAGINARIUM ENSEMBLE Enrico Onofri, violino e direzione Alessandro Palmeri violoncello Simone Vallerotonda arciliuto Riccardo Doni clavicembalo

G. Paolo Cima Sonata per il Violino per violino e b.c. da Concerti Ecclesiastici – Milano 1610

Aurelio Virgiliano Ricercata per flauto et ogni altro istromento da Il Dolcimelo – Bologna? 1600ca

Francesco Rognoni Vestiva i colli passeggiato, per violino e strumenti da Selva de vari assaggi… – Milano 1620

Richardo Rognono Ancor che col partire passeggiato, per violino e strumenti da Passaggi… Libro Secondo – Venezia 1641

Dario Castello Sonata Seconda, per violino e b.c. da Sonate…in stil moderno – Venezia 1640

G. Marco Uccellini Sonata La Luciminia Contenta per violino e b.c. da Sonate e Correnti… – Venezia 1645

Alessandro Stradella [Sonata a violino solo, violone e basso] ms. Modena, Universitaria, Mus.G.210, ff 5r-10v Roma, 1670ca

Antonio Vivaldi Sonata op. II n. 3 in re min. per violino e b.c.

Arcangelo Corelli Sonata op. V n.1 0 in fa magg. per violino e b.c. Sonata op. V n. 12 in re min. Follia per violino e b.c. ::::::::::::::::::::::::

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30