INFORMAZIONE
CULTURALE
Febbraio 2023



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6702
Articoli visitati
4767838
Connessi 8

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
6 febbraio 2023   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

TRA GUERRE E SPERANZE DI PACE

Riflessioni sul libro “Guerra” di Antonio Scurati
sabato 17 dicembre 2022 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Recensioni Libri


Segnala l'articolo ad un amico

Mentre il Natale si avvicina, non possiamo fare a meno di pensare alla guerra in Ucraina e a tutte le guerre dimenticate che affliggono l’umanità e ci auguriamo che possa finalmente arrivare la Pace.

Il libro di Antonio Scurati, “Guerra” (Ed. Bompiani 2022) senza dubbio offre numerosi spunti di riflessioni su tutte le guerre passate e presenti. E viene così presentato. “La guerra accompagna l’umanità fin dalle sue origini. Il racconto che la civiltà occidentale ne ha fatto si è declinato essenzialmente in tre modi – la narrazione epica nel mondo antico, quella romanzesca nel mondo moderno e quella televisiva nel mondo contemporaneo. Per capire come la nostra cultura della guerra sia intimamente legata al racconto che ne facciamo, Antonio Scurati legge questi tre modi attraverso quello che chiama il "criterio della visibilità": visibilità come rivelazione, come possibilità di comprendere la realtà di un mondo in guerra.

Partendo dall’epica antica – che con l’ideale eroico dell’Iliade ha dato origine a una tradizione millenaria che pensa la battaglia come evento in grado di generare significati e valori collettivi –, attraversando la crisi di questo paradigma nella modernità romanzesca e la sua dissoluzione nella convinzione tutta novecentesca che la guerra sia priva di un qualsiasi senso, arriviamo alla tragica attualità del conflitto raccontato dalla televisione: quando le immagini della guerra sono entrate per la prima volta in diretta nelle nostre case – era il 17 gennaio 1991, data d’inizio della Prima guerra del Golfo – ci siamo illusi che al massimo della spettacolarizzazione potesse corrispondere il massimo della visibilità, e invece ci siamo trovati di fronte a un’apocalisse svuotata di qualsiasi rivelazione.

Un’altra data spartiacque è arrivata dieci anni dopo: dall’11 settembre 2001 la guerra, prima demistificata, è stata investita di nuovo di un significato salvifico, come forma di violenza positiva che si contrappone alla nuova forma di violenza illimitata che è il terrorismo. E non potendo affrontare il terrorismo sul suo terreno, poiché questo non ha territorialità alcuna, la guerra ha abbandonato il reale per assicurarsi il controllo dei cieli dell’immaginario. L’invasione russa dell’Ucraina del febbraio 2022 sembrerebbe a prima vista smentire lo sviluppo di questo paradigma. Putin e la sua guerra, però, non sono l’Occidente: ne sono il nemico. Ma come sta rispondendo l’Occidente a questa offensiva orientale? Forse proprio riattingendo a quegli archetipi millenari che credevamo ormai seppelliti dal pacifismo novecentesco”.

In effetti giorno dopo giorno ci sembra di ritornare indietro ad un passato che pensavamo ormai sepolto almeno in Europa dopo secoli di guerre devastanti. Le orrende immagini della guerra in Ucraina ci angosciano e nello stesso tempo ci fanno provare un senso di impotenza, di rassegnazione, fino a correre il rischio di abituarci anche all’orrore.

JPEG - 10.8 Kb
Antonio Scurati

E il testo sottolinea che “anche quando il paradigma guerra/visione s’infrange nell’età dei mass media elettronici, e del terrorismo mediatico, il suo ribaltamento, la sua ritorsione contro l’Occidente non smette di alimentare le retoriche del potere, di giustificare il ricorso alle armi, di illuderci riguardo alla promessa di una verità rivelata dalla tenebra se non dalla luce. Se fin dai tempi di Omero la guerra era sempre stata il "paradiso dello spettatore", noi contemporanei delle dirette televisive dai fronti di battaglia diveniamo telespettatori totali della guerra e, per questa via, spettatori delle nostre stesse vite”.

Ci colpiscono gli antichi, consueti, orrendi rituali della guerra, sempre uguali anche se siamo nel 2022: stupri di donne e bambini, violenze di ogni genere, disumane torture, sofferenze e uccisioni ancor più dolorose inferte con armi più distruttive ed efficienti, grazie a progressi scientifici e tecnologici. E ci chiediamo come persone che qualche mese prima forse chattavano su social o whatsApp in un civile paese europeo, si possano trasformare in guerra in crudeli assassini che infieriscono su inermi civili senza pietà, senza provare orrore per se stessi!

Comunque non possiamo fare a meno di continuare a sperare in un mondo pacificato. Spes, Ultima Dea! E ci vengono in mente i versi di Jorge Carrera Andrade: “Verrà un giorno più puro degli altri:/scoppierà la pace sulla terra/come un sole di cristallo./Una luce nuova/avvolgerà le cose./Gli uomini canteranno per le strade/ormai liberi dalla morte menzognera./Il frumento crescerà sui resti/delle armi distrutte/e nessuno verserà/il sangue del fratello./Il mondo apparterrà alle fonti/e alle spighe che imporranno il loro impero/di abbondanza e freschezza senza frontiere”.

Giovanna D’Arbitrio

P.S. Per maggiori dettagli sull’autore si consiglia il seguente sito: https://www.treccani.it/enciclopedi...