INFORMAZIONE
CULTURALE
Febbraio 2023



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6698
Articoli visitati
4766689
Connessi 8

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
4 febbraio 2023   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

PROGRESSO NEL VIOLA

di Andrea Forte e Vivi Lombroso
sabato 22 ottobre 2022

Argomenti: Racconti, Romanzi


Segnala l'articolo ad un amico

Lunedì vide un cane morto nel cortile. Che indecenza! Passarono ore prima che lo togliessero.
Martedì vide due gatti morti sulla piazza. Poverini, saranno finiti sotto le macchine.
Mercoledì vide tre topi morti sul marciapiede. Accidenti, questo sì che è pericoloso. Potrebbe scoppiare un’epidemia.
Giovedì vide quattro funerali passare sotto le finestre. Allora si spaventò, perché gli sembrò ci fosse un occulto conduttore fra i numeri dei morti visti dall’inizio della settimana.
Venerdì vide cinque persone morte ai giardinetti, riverse in vari modi sulle panchine. Gli sembrò di impazzire. Terrorizzato corse a cercare aiuto, ma le strade erano deserte.
Sabato vide sei militari morti compostamente su un autoblindo. Si mise ad urlare, ma non rispose nessuno.
Domenica accese la televisione, cosa che faceva assai di rado, per avere notizie su quella ormai evidentemente anomala situazione.

Lo speaker stava dicendo: “le morti proseguono inarrestabilmente a ritmo sempre più veloce. Non se ne conosce la ragione. Gli esperti dicono che sono gli ultravioletti solari. È stata instaurata la legge marziale. Non uscite di casa. Non aprite la porta di casa a nessuno. Passerà l’esercito per fornirvi sostentamenti”. In quel mentre suonò il campanello di casa. Si alzò, e guardò nella lente dello spioncino. Sarà l’esercito per i rifornimenti, pensò. Invece era la Morte.