Rubrica: EDITORIALI

NATALE DI GUERRA

domenica 4 dicembre 2022

Argomenti: Attualità

NATALE 2022 Quest’anno il Natale sarà più triste e doloroso per le popolazioni affrante e per il mondo intero a causa di una guerra che sembra non finire mai… A loro è dedicata questa poesia di Trilussa che, ahimè, appare drammaticamente attuale. Con la speranza di tutti noi che il terribile conflitto si risolva al più presto, in nome di una pace che tutti ci auguriamo.

Natale de guera

Ammalapena che s’è fatto giorno,
la prima luce è entrata ne la stalla
e er Bambinello s’è guardato intorno:
“Che freddo, mamma mia. Chi m’aripara?
Che freddo, mamma mia. Chi m’ariscalla?”

– “Fijo, la legna è diventata rara
e costa troppo cara pe compralla” –
“E l’asinello mio ‘ndov’è finito?” –
“Trasporta la mitraja
sur campo de battaja: è requisito” –

“Er bove?” – “Puro quello
fu mannato ar macello”.
“Ma li Re Maggi ariveno?” – “È impossibile
perché nun c’è la stella che li guida,
la stella nun vò uscì, poco se fida,
pe paura de quarche diriggibile”.

Er Bambinello ha chiesto: “Indove stanno
tutti li campagnoli che l’antr’anno
portaveno la robba ne la grotta?
Nun c’è neppuro un sacco de polenta,
nemmanco una frocella de ricotta”.

– “Fijo, li campagnoli stanno in guera,
tutti ar campo e combatteno. La mano
che seminava er grano
e che serviva pe vangà la tera
adesso viè addoprata unicamente
pe ammazzà la gente.

Guarda, laggiù, li lampi
de li bombardamenti!
Li senti?, Dio ce scampi,
li quattrocentoventi
che spaccheno li campi?” –

Ner dì così la Madre der Signore
s’è stretta er Fijo ar còre
e s’è asciugata l’occhi co le fasce.
Una lagrima amara pe chi nasce,
una lagrima dorce pe chi mòre.

Trilussa


***



Diritti di copyright riservati
Articolo non distribuibile su alcun media senza autorizzazione scritta dell'editore