INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5007
Articoli visitati
4160361
Connessi 11

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
16 settembre 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Navigazione

Inviare un messaggio

In risposta a:

LA CINA è VICINA

Dittature e free trade
sabato 1 agosto 2009 di Giovanna D’Arbitrio
In questi giorni giornali e TV non fanno altro che parlare della Cina e del tentativo di Obama di dialogare con il nuovo potente mostro “capital -comunista” che riassume in sé tutti i lati peggiori delle ideologie di destra e di sinistra, manipolate ad hoc dal “Global Village” per far profitti. Ho pensato prima al vecchio film di Marco Bellocchio LA CINA E’VICINA che colpì con sferzante satira l’ipocrisia del trasformismo politico e poi mi son venuti in (...)


In risposta a:

LA CINA è VICINA

sabato 29 agosto 2009

Ho vissuto la mia vita lavorativa in una importante multinazionale e dagli anni 70 fin quasi alla fine degli anni 90, ho avuto il piacere di partecipare ad importanti corsi di formazione nazionali ed internazionali dove si trattavano tematiche specialistiche e di management, ma in cui sempre l’individuo era al centro del sistema. L’individuo era il centro motore dell’azienda e su di esso si investiva per creare competitività e cultura. Verso la fine degli anni 90, come riporta l’articolo, le strategie cambiarono e la massimizzazione del profitto diventò l’unica regola delle aziende. Ricordo una presentazione di un alto manager della multinazionale, in cui si evidenziava che i tassi d’interesse elargiti dalle banche ai propri risparmiatori erano più alti dei profitti netti conseguiti dalle aziende e pertanto agli azionisti conveniva disinvestire e trasferire il capitale alle banche. Partì così la strategia globale, con i temi “no logo” e “lean e mean”, ma anche” less is more” (meno siamo più valiamo) e where is the cheese? (umani come topi alla ricerca del formaggio, cioè del lavoro, simbolicamente parlando). L’individuo incominciò a perdere la propria identità ed in molti casi il posto di lavoro. La precarietà, diventata la nuova forza del mondo politico-economico, il timore di disastri e del terrorismo, oggi tengono l’individuo sempre in ansia, rendendolo incapace di affermare la propria identità.



Forum solo su abbonamento

È necessario iscriversi per partecipare a questo forum. Indica qui sotto l'ID personale che ti è stato fornito. Se non sei registrato, devi prima iscriverti.

[Login] [registrati] [password dimenticata?]