INFORMAZIONE
CULTURALE
Marzo 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4789
Articoli visitati
4042973
Connessi 7

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
24 marzo 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Navigazione

Inviare un messaggio

In risposta a:

Il caso nella probabilistica

mercoledì 11 febbraio 2009 di Andrea Forte, Vivi Lombroso
La probabilistica è una delle tante branchie della logica. Nell’ambito della probabilistica si trova la legge del caso, la quale legge stabilisce il legame fra la probabilità e la frequenza. In pratica, se ho un evento del quale non posso prevedere gli sviluppi, ma dispongo di un numero sufficiente di eventi analoghi già accaduti, e che mi hanno dato determinate conclusioni specifiche, avrò un criterio di prevedibilità tendenziale; mi accorgerò che il numero di volte in cui (...)


In risposta a:

Il caso nella probabilistica

venerdì 8 maggio 2009

Essere ignoranti o meno è il frutto di un caso apparente. Ciò significherebbe che essere ignoranti e sapere di esserlo è frutto di una legge del controcaso, mentre essere ignoranti e convincersi di non esserlo più continua a restare un rapporto con se stessi e con l’altro inserito nella legge del caso.
con questo vorrei ipotizzare chela legge del caso può permanere ed essere accettata in quanto causa effettiva dell’esistenza dell’elemento spurio, onde giustificare gli eventi che non si comprendono razionalmente.
Mentre la legge del controcaso, che sarebbe quella che non accetta la legge del caso e che, quindi, lo considera apparente, evita di cadere nella spiegazione di contesti impuri e di centrare invece la sostanza di ciò che in apparenza sembrerebbe incomprensibile..e di tentarne un suo migliore approfondimento, collocazione e dinamica..talché si possano avere delle tendenze attendibilmente esatte..

Ora l’ignoranza non sarebbe un caso, ma uno stato permanente dovuto al fatto che non si reperisce, in modo più serio e cosciente, la realtà dell’evento e si esiste quindi troppo nella subizione di esso, qualunque sia l’evento..

per cui l’ignoranza sarebbe una scelta non dovuta al caso..ma ad una volontà di deresponsabilizzazione.



Forum solo su abbonamento

È necessario iscriversi per partecipare a questo forum. Indica qui sotto l'ID personale che ti è stato fornito. Se non sei registrato, devi prima iscriverti.

[Login] [registrati] [password dimenticata?]