INFORMAZIONE
CULTURALE
Marzo 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4790
Articoli visitati
4044078
Connessi 16

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
25 marzo 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Navigazione

Inviare un messaggio

In risposta a:

Un enigmatico mentitore: il bugiardino

Traendo lo spunto dagli ultimi articoli di Arturo Capasso, qualche considerazione sulle informazioni sui farmaci
giovedì 23 ottobre 2008 di Michela Orefice
L’enciclopedia Wikipedia definisce il bugiardino come “il nome con cui comunemente viene chiamato il foglietto illustrativo allegato ai medicinali contenente posologia, modalità d’uso ed effetti indesiderati”. Sull’origine del termine le ipotesi sono diverse e tra queste soltanto una viene avvalorata dalla più prestigiosa istituzione linguistica italiana, vale a dire l’Accademia della Crusca, secondo la quale a Siena, “si indicava in passato con (...)


In risposta a:

Un enigmatico mentitore: il bugiardino

martedì 17 novembre 2009

Carissimo Farmacista,
il suo commento è sicuramente condivisibile, ma solo in parte. Infatti, è vero che destinatario del bugiardino è il medico curante, oltre al paziente, tuttavia ci sono molti farmaci che per essere acquistati non richiedono la prescrizione del medico, come lei saprà benissimo, quindi spesso non si interpella neppure il proprio medico curante. Inoltre, può darsi che molte persone quando vanno in farmacia non abbiano tempo di chiedere ed ascoltare spiegazioni e meno che mai vogliano attendere che il farmacista spieghi, usando un linguaggio comprensibile ai più, controindicazioni ed effetti collaterali dei farmaci per l’influenza al cliente che li precede nella fila. Quello che lei ha definito superficialità, io lo definirei senso pratico. I ritmi della società attuale sono altri ed il fattore strategico per eccellenza è il tempo. Una soluzione ottimale sarebbe quella di elaborare un bugiardino in due "lingue": quella dei pazienti, meno tecnica e di facile comprensione, e quella dei medici.
E’ comunque confortante sapere che ci sono farmacisti tanto disponibili come lei.

Saluti,
Michela Orefice.



Forum solo su abbonamento

È necessario iscriversi per partecipare a questo forum. Indica qui sotto l'ID personale che ti è stato fornito. Se non sei registrato, devi prima iscriverti.

[Login] [registrati] [password dimenticata?]