INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5007
Articoli visitati
4160361
Connessi 15

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
16 settembre 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Navigazione

Inviare un messaggio

In risposta a:

LE INVASIONI BARBARICHE

la crisi delle due ideologie dominanti ha generato in tutte le attività umane una caduta impressionante dei più alti valori e principi etici.
sabato 21 giugno 2008 di Giovanna D’Arbitrio
Il film “Le Invasioni Barbariche” del regista Denys Arcand, che vinse un oscar nel 2003, ci fece molto riflettere su ciò che accade nella nostra epoca. La storia, imperniata sulla figura di un uomo che sta morendo per un cancro, analizza il rapporto tra lui e suo figlio, un manager ben inserito e sicuro di sé. Solo quest’ultimo, definito dallo stesso padre “principe di tutti gli incantesimi”, con la bacchetta magica del suo danaro, riesce a procurare (...)


In risposta a:

LE INVASIONI BARBARICHE

domenica 22 giugno 2008

Ha ragione Giovanna, il mondo ha perso i due riferimenti, che erano comunismo e capitalismo, la stupidità sta andando al potere. Lei alla fine dell’articolo cita Vico e i ricorsi storici.
Vorrei ricordare che ancor prima di Vico, quattro secoli prima,il grande scrittore sociologo arabo Ibn Khaldùn scrisse molto proprio sui cicli e sull’andamento dialettico della storia; qualcuno ha voluto vedere addirittura l’anticipo del diamat, cioè del materialismo dialettico. Cosa succede? Vediamo: Una città (ma può essere un intero Paese) perde interesse a fare, si affloscia su se stessa. Ma da fuori spingono altri che devono vivere, sopravvivere. Attaccano, sono motivati, vincono. E si insediano. Purtroppo anche questi nel giro di qualche generazione sono destinati a fare la stessa fine.Quali motivazioni ha la nostra civiltà?
Qualcuno ha detto che solo un ritorno ad un genuino cristianesimo potrebbe salvarci. Ne dubito.



Forum solo su abbonamento

È necessario iscriversi per partecipare a questo forum. Indica qui sotto l'ID personale che ti è stato fornito. Se non sei registrato, devi prima iscriverti.

[Login] [registrati] [password dimenticata?]