INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5115
Articoli visitati
4204726
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
18 novembre 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Navigazione

Inviare un messaggio

In risposta a:

Schleyer - un precedente del caso Moro?

L’incredibile parallelismo tra due attentati alla democrazia.
giovedì 22 maggio 2008 di Christian Blasberg
Il terrorismo degli anni 70 non fu un fenomeno limitato all’Italia, ma colse un po’ tutta l’Europa centrale ed operò su scala internazionale. Quando gli italiani seguirono paralizzati e angosciati l’evolversi del rapimento Moro, in Germania era già in atto una guerra spietata dello Stato contro i terroristi che avevano dato l’esempio per l’esecuzione del rapimento. Tut-tavia, i due casi non furono uguali… Trent’anni fa l’Italia visse (...)


In risposta a:

Schleyer - un precedente del caso Moro?

giovedì 8 novembre 2018

Il primo punto, che Moro non era in via Fani, se ben capisco fu discusso per prima, pubblicamente, da Rita Di Giovacchino in un suo libro uscito nel 2003. Ma certamente altri avevano pensato a questa possibilità prima, perché è illogico supporre che kissinger, se davvero voleva catturare Moro vivo, avrebbe rischiato di esporlo a un fuoco incrociato di almeno 93 proiettili stando alla vulgata.

E ritengo plausibile che kissinger, cioè il bilderberg, volessero Moro vivo in un primo tempo, sia per estorcergli tutti i segreti di Stato che potevano, sia per inscenare lo psicodramma dei 54 o 55 giorni, che restasse ben impresso nella memoria collettiva come opera esclusiva delle " br ".

Più di recente, l´idea logicissima che Moro non fosse in via Fani, è stata ripresa da Solange Manfredi in un post del 2008 e una videointervista pubblicata su youtube nel 2009.

Dunque una stringente logica deduttiva vuole che Moro non fosse in via Fani.

Se non vi era, allora era stato prelevato prima. Uso prelevato non rapito, perché è il termine che si trova nelle prime lettere pubblicata attribuite a Moro dalla prigionia ; e perché non si può escludere, anzi è altamente probabile, che Moro stesso accettò di farsi prelevare per salvare la famiglia, e che almeno Leonardi fosse al corrente del piano.

Una autoimmolazione dunque, o un finto sequestro, almeno inizialmente, che poi si sarebbe rivelato trappola mortale per il sommo statista.



Forum solo su abbonamento

È necessario iscriversi per partecipare a questo forum. Indica qui sotto l'ID personale che ti è stato fornito. Se non sei registrato, devi prima iscriverti.

[Login] [registrati] [password dimenticata?]