INFORMAZIONE
CULTURALE
Maggio 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4883
Articoli visitati
4080773
Connessi 14

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
21 maggio 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Navigazione

Inviare un messaggio

In risposta a:
NEFES - Piccolo trattato sull’esistenza infranta (Tangram Edizioni Scientifiche, 2018) ISBN-9788864581712

LA FRATTURA TRA ESSERE ED ENTE UMANO

Il valore del mondo non appartiene al mondo. L’invenzione della verità, per trascorrere la notte.
domenica 18 marzo 2018 di Giovanna D’Arbitrio
Con tale premessa si apre il libro di Andrea Comincini, prima dell’introduzione nella quale emergono inquietanti domande: “Cos’è dunque la Verità? Che sia solo verosimile il luogo in cui viviamo, ovvero il tempo delle cronache e dei data base? Dove riposa la verità intera? Viviamo sospesi tra ciò che è e l’eventualità”. La Prefazione, a cura di Daniela Calabrò, inizia con la citazione di una frase del libro (pag. 18): “Ciò che è, scompare”, punto (...)


In risposta a:

LA FRATTURA TRA ESSERE ED ENTE UMANO

mercoledì 21 marzo 2018

La Verità è la nostra esistenza stessa, il nostro percorso di vita presente, quello passato dei nostri antenati, quello futuro dei posteri. L’esistenza si svolge sulla Terra, comunque, indipendentemente dalle sovrastrutture che l’essere umano ha creato nel tempo. La Verità è dove si poggia ora il nostro piede o si poggiava o dove si poggerà, qui o su un altro Pianeta o su una Stella, prima o poi raggiungibile in un’altra galassia. Forse incontreremo altre esistenze, ma per farlo
dovremo far progressi prima come umani qui sulla Terra e… se non dovessimo riuscirci, forse rimarremo ancora qui, senza evolverci. Credo che Chi ci ha creato ha in Sé un Progetto di elevazione e armonia che noi dobbiamo realizzare attraverso gli opposti: sentimenti buoni e cattivi, gioia e dolore, brutto e bello, odio e amore ecc.. A noi la scelta. Questo per me significa “esistenza”: l’eventualità che l’evoluzione sia possibile, per cui la nostra missione è procedere senza incertezza verso tale fine.



Forum solo su abbonamento

È necessario iscriversi per partecipare a questo forum. Indica qui sotto l'ID personale che ti è stato fornito. Se non sei registrato, devi prima iscriverti.

[Login] [registrati] [password dimenticata?]