INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5007
Articoli visitati
4160544
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
16 settembre 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Navigazione

Inviare un messaggio

In risposta a:

Il discorso di Capodanno.

Qualche riflessione sul Capodanno
domenica 1 gennaio 2017 di Michele Penza
La notte di S. Silvestro come di consueto la TV trasmetterà il discorso del Capo dello Stato che la buona gente ascolta di solito distrattamente, con un occhio alla bottiglia di spumante ed un altro al capitone che troneggia sul vassoio al centro tavola. Una sequenza ormai familiare di buone parole, di paterne esortazioni, di solenni affermazioni di sani principi ai quali sia chi parla che colui che ascolta finge ormai di credere più che altro per abitudine e per buona creanza. Fra i (...)


In risposta a:

Il discorso di Capodanno.

mercoledì 4 gennaio 2017

Mi ha telefonato mio fratello per rimproverarmi: che ti ha fatto di male l’On. Rodotà? Assolutamente nulla, gli ho detto. Ho solo tenuto presente la necessità dell’intervento di una autorità del suo calibro per valutare la necessaria ’sinistrosità’ di un simile provvedimento, che è molto dubbia, in quanto la materia si traduce concretamente in un sia pur limitato accumulo di capitale nel tempo, finalizzato alla realizzazione di un successivo profitto, processo economico che compendia nella sua formazione l’essenza stessa del capitalismo. Tutta roba che puzza di destra lontano un chilometro. Aggiungi poi che la Costituzione (Zagrabeski docet) parla chiaro: la repubblica italiana è fondata sul lavoro e non sul risparmio, sui BOT o sui CCT. No, me la vedo difficile, penso che se un operaio oggi aspirasse alla pensione dovrebbe rivolgersi alle Generali!



Forum solo su abbonamento

È necessario iscriversi per partecipare a questo forum. Indica qui sotto l'ID personale che ti è stato fornito. Se non sei registrato, devi prima iscriverti.

[Login] [registrati] [password dimenticata?]