Rubrica: EDITORIALI

E’ GIA’ INIZIATA LA CORSA AL QUIRINALE?

Strani segnali...
mercoledì 1 luglio 2020

Argomenti: Politica

Non possono passare inosservati alcuni avvenimenti, a dir poco bizzarri, in un momento di vera e propria sopravvivenza del popolo italiano.

Tutti i quotidiani annunciano, a volte con enfasi, il ritorno a Roma di Berlusconi, dopo gli “ozi” (di storica memoria) in Costa Azzurra e in Sardegna, in un torrido mese di luglio, con sede in una splendida dimora che può rendere sopportabile l’afa dominante, mentre i suoi fedelissimi contestano e chiedono rumorosamente alla Camera la revisione di un processo che rappresentò a suo tempo, l’ultimo di una serie infinita di cause, spesso cadute in prescrizione, ma che condizionarono il normale svolgimento di 4 legislature, a scapito di interventi e di urgenti riforme di cui il nostro Paese necessitava e che si accumularono nel tempo e che furono trascurate o non sufficientemente prese in considerazione.

Con un inveterato ed assoluto potere mediatico, contro ogni minimo “conflitto di interessi”, i suoi fidi seguaci (sempre più scarsi) si danno da fare in tutti i modi per rimettere in gioco un personaggio che fu persino, a suo tempo, deriso dall’Europa (ricordiamo tutti gli sguardi ironici della Merkel e di Sarkozy indirizzati al suo nome) e contestato da moltissimi Italiani per i suoi comportamenti non proprio ortodossi che un Presidente del Consiglio dovrebbe, sempre, evitare.

Anche i recenti annunci del suo medico personale che irritano giustamente la maggior parte degli scienziati con ripetuti appelli a “non preoccuparsi più” di un virus dal pericolo mortale e mondiale ancora in circolazione, pur di remare contro le prudenti e giuste decisioni di questo governo, sono fuori luogo e potrebbero causare gravi danni all’intero Paese da parte di chi sottovaluta la precarietà della attuale situazione sanitaria.

Ma l’ambizione e il potere economico possono tutto in un mondo corrotto e disperato.

Staremo a vedere, ma, a mio parere, sarà molto arduo per qualsiasi aspirante alla guida della nostra Nazione, competere con i continuati esempi di rettitudine, onestà, coerenza, dignità e super partes dimostrati dal nostro attuale Presidente cui auguriamo, sinceramente, un possibile reincarico settennale.

Foto logo da sito flick.com



Diritti di copyright riservati
Articolo non distribuibile su alcun media senza autorizzazione scritta dell'editore