Rubrica: EDITORIALI

UNA VILLEGGIATURA SENZA SMANIE

Possibilmente
giovedì 1 agosto 2019

Argomenti: Attualità

Il termine villeggiare significa, “ trascorrere le vacanze, un periodo di riposo o di svago” e così dovrebbe essere nelle intenzioni di tutti.

Dal tempo di Goldoni, però, il significato è molto cambiato o, per lo meno, interpretato in maniera diversa.

Innanzi tutto, la durata della “villeggiatura” si riduce, in genere, a poche settimane di vacanza, se non a pochi giorni.

Chi lavora tutto l’anno preferisce alternare le tanto sospirate ferie in vari periodi dell’anno, specie chi ama gli sport invernali o viaggiare all’estero. Il cosiddetto “riposo” è comunque previsto per legge e giustamente considerato irrinunciabile e da dover trascorrere al meglio.

Spesso, però, le nostre aspettative vengono deluse da ritardi o disagi nelle partenze, da amare sorprese all’arrivo in una località mai vista prima, se non, addirittura da truffe che ci rovinano le uniche possibilità di relax e di svago.

Ci sono poi motivi psicologici e pratici da non sottovalutare: è noto, infatti, che certamente pochi giorni di villeggiatura tendono ad aumentare i sintomi di stress e le tensioni tra famiglie e gruppi di amici.

Che fare, allora?

Il nostro consiglio è di non scegliere periodi troppo brevi (considerati viaggio e spostamenti) e, soprattutto, preferire località già sperimentate e compagnie gradevoli con cui dover dividere un periodo di comunità abitativa.

L’importante è “staccare la spina” dalla routine quotidiana e ritemprare la mente e il fisico, prima di ricominciare il lavoro di sempre.

Purtroppo, molte volte, non è possibile scegliere ciò che si vuole per impegni familiari o personali, ma tocca a noi cercare una soluzione possibile, evitando “smanie” e contrasti che potrebbero farci rimpiangere il tran tran quotidiano e desiderare, addirittura, il ritorno a casa....



Diritti di copyright riservati
Articolo non distribuibile su alcun media senza autorizzazione scritta dell'editore