INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2017



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 1883
Brevi on-line  2156
Articoli visitati
3699155

Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
CINEMA
SPETTACOLO E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-17 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
1 ottobre 2017   e  
22 ottobre 2017



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: SPETTACOLO E COSTUME


POKER AL TEATRO PARIOLI

giovedì 12 ottobre 2017 di Comunicato stampa
Eventi segnalati: Prossimamente

Segnala l'articolo ad un amico

 

TEATRO PARIOLI
STAGIONE 2017 – 2018

“Nuovi Scenari”
da martedi 24 ottobre a domenica 5 novembre 2017

I DUE DELLA CITTA’ DEL SOLE presentano

POKER di Patrick Marber

con Francesco Montanari e la Compagnia Gank

Versione Italiana Carlo Sciaccaluga Scene e costumi Laura Benzi Regia Antonio Zavatteri

INTERPRETI e PERSONAGGI (in ordine alfabetico) Massimo Brizi – ASH Alberto Giusta – SWEENEY Francesco Montanari – POLLO Aldo Ottobrino – FRANKIE Matteo Sintucci – CARL Antonio Zavatteri – STEPHEN

Il Teatro Parioli apre la stagione 2017/2018 con “Poker”,da martedi 24 ottobre a domenica 5 novembre, spettacolo scritto da Patrick Marber, diretto da Antonio Zavatteri, e interpretato da Francesco Montanari, già protagonista della serie Romanzo Criminale e star affermata in ambito teatrale, affiancato dalla Compagnia Gank. Un ristorante. Il proprietario e suo figlio, due camerieri e il cuoco. Ogni domenica sera, dopo la chiusura, questi vanno nello scantinato del locale e giocano a poker tutta la notte.

La vita dei cinque è scandita da questa abitudine, le loro passioni e le loro speranze si condensano in questa notte di sfida reciproca, in cui si cerca il riscatto e la gloria. Questa routine viene spezzata dall’ingresso in scena, e quindi al tavolo da gioco, di un personaggio misterioso per quasi tutti i protagonisti della vicenda, ma non per il pubblico, che porta alla vita dei nostri amici disequilibrio e curiosità aggiungendo suspance agli sviluppi della vicenda e, soprattutto, alla partita che si giocherà.Viene portata in scena la prima commedia, creazione perfetta, leggera, crudele e molto divertente di Patrick Marber, ex cabarettista, autore anche di Closer, must della nuova drammaturgia inglese.

Un ristorante, il proprietario, suo figlio, due camerieri e il cuoco.Ogni domenica sera dopo la chiusura, e prima del giorno di riposo, questi vanno nello scantinato del locale e giocano a poker tutta la notte.Le settimane e la vita di queste cinque persone sono scandite da questa consuetudine, le loro passioni, le loro speranze si condensano in questa notte di sfida reciproca, in cui si cerca il riscatto, una settimana di gloria.

Si tratta di persone abbastanza comuni con alle spalle una vita non certo coronata di grandi successi, ma che hanno delle speranze e progetti di una svolta: diventare un professionista del tavolo da gioco in America, aprire un proprio ristorante in un posto improbabile, sistemare relazioni famigliari consumate. Sogni di cambiamento ma incapacità di perseguirli con successo.Dunque, un rapporto difficile fra un padre accentratore e il figlio che si è appassionato più del lecito al mondo del gioco e delle scommesse, un ambiente lavorativo angusto e carico di tensioni, di abitudini e di idiozie goliardiche che legano fra loro i dipendenti del locale sono gli elementi che fanno da base alla storia di Poker.

Questa routine quotidiana viene spezzata dall’ingresso in scena e quindi al tavolo da gioco di un personaggio misterioso a quasi tutti i protagonisti della vicenda ma non al pubblico portando alla commedia e alla vita dei nostri amici disequilibrio e curiosità, e a noi che assistiamo e che conosciamo elementi sconosciuti ai nostri eroi, una suspance sui possibili sviluppi degli avvenimenti e della partita che si giocherà.Il poker come metafora della vita, non so, può essere, probabilmente il paragone in questa commedia calza bene: l’inevitabile e necessaria crudeltà che contraddistingue il gioco, viene esercitata a pieno in questo micromondo del ristorante, un mondo esclusivamente maschile, dove la pietà e la comprensione nei confronti delle difficoltà del prossimo non sono certo una priorità.Allora, la prima commedia di Patrick Marber è una creazione perfetta, leggera, crudele e molto molto divertente.(Antonio Zavatteri)

Poker metafora della vita.Una domenica sera, in un ristorante di periferia, si svolge una partita di poker tra camerieri riottosi, un proprietario dispotico, il figlio ribelle, e un cliente che poi si scopre essere un giocatore professionista, chiamato Ash.La tensione legata a questo evento porta a galla ansie e rivalità del gruppo.

In superfice – una commedia semplice. I primi due atti ci presentano i personaggi che si apprestano a giocare a poker nello scantinato del ristorante. L’ultimo atto è la partita vera e propria. Ma la partita non è che lo sfondo per un profondo studio dei diversi personaggi, ossessionati dagli incubi dell’abitudine al (o del vizio del) gioco e della speranza di riuscire almeno una volta a vincere. Sfortunati e perdenti, ma mai oggetto di pietà.

Un testo amaro, ma trattato sempre coi toni lievi della commedia: la disperazione qui diventa struggentemente comica.Una storia avvincente.Scritto nel 1995 dall’allora sconosciuto Patrick Marber (Londra 1964), La scelta al mazziere (Dealer’s Choice) possiede già tutte le qualità che hanno reso l’autore uno dei più celebrati drammaturghi britannici contemporanei: humour perfido e tagliente, ritmo incalzante, personaggi spinti fino all’estremo in una situazione senza scampo. Marber non lascia vie d’uscita ai sei personaggi costretti intorno a un panno verde, in cerca di un senso alla propria esistenza che vada oltre le carte da gioco. Il poker è un bisturi che espone nude le anime dei personaggi: nelle loro illusioni, nei loro fallimenti, nei loro compromessi, lo spettatore può facilmente riconoscersi. Con grande padronanza del dialogo e della scena, Marber sa coinvolgere il pubblico in una storia avvincente, per meglio riflettere sulla società contemporanea.

biglietti: da 24 a 35 euro

Teatro Parioli Peppino De Filippo Via Giosuè Borsi 20, 00197 – Roma tel . 06 8073040 www.parioliteatro.it



 



Forum

  • BURNOUT E MULTITASKING
    21 aprile 2017, di simonetta pancotti

    terribile... è il male della nostra epoca...

  • 18 maggio 2013 Pittura Estemporanea al Borgo Sant’Eligio e Piazza Mercato (Napoli)
    25 aprile 2013, di Luciano De Vita

    Una opportunità per gli artisti poco noti di farsi conoscere.

  • VIII RASSEGNA INTERNAZIONALE DI ARTE PITTORICA CONTEMPORANEA “PREMIO TARGA D’ORO CITTÀ DI GUBBIO – 2013”
    17 gennaio 2013, di matilde orsini

    Gentile Artista Melita Gianandrea,

    E’ con piacere che La invitiamo a partecipare all’VIII RASSEGNA INTERNAZIONALE DI ARTE PITTORICA CONTEMPORANEA - “PREMIO TARGA D’ORO CITTÀ DI GUBBIO – 2013” .

    L’invito è mirato a 35 Artisti scelti dal Comitato Selettivo composto da ARTEC, C.A.S. e NautArtis.
    La preghiamo cortesemente di volerci comunicare la Sua decisione in merito anche se negativa, entro il 27 Gennaio.

    La ringraziamo anticipatamente e porgiamo i più cordiali saluti artistici,

    Ing. Matilde Orsini - "Regina"
    Presidente NautArtis
    Associazione Culturale Gubbio
    Sul sito http://www.associazionenautartis.it... il nostro programma per il 2013 e il regolamento dell’VIII Rassegna - Gubbio 2013.

  • "IL MARITO DI MIO FIGLIO" AL TEATRO DELLA SOCIETà FILARMONICO DRAMMATICA di MACERATA
    30 aprile 2011, di CFD Macerata

    Grazie infinite per il Suo meraviglioso articolo!
    E’ stata davvero una fantastica giornata. Ci siamo molto divertiti!
    Grazie al caloroso pubblico e a tutte le dimostrazioni di affetto.
    Fabio Campetella.

  • GRANDE SUCCESSO DI "Che bella giornata"
    22 gennaio 2011, di Luciano De Vita

    CHE BELLA GIORNATA, c’è poco da ridere a parte alcune gags, anzi da piangere.
    Una spietata immagine dell’ignoranza e della prosopopea di una notevole parte degli abitanti di questo nostra Italia che celebra quest’anno il suo 150° anniversario di esistenza come nazione, cittadini che con questi atteggiamenti ci stanno portando ad un collasso dell’economia e ad un clima di sfascio morale.
    L’enfasi dei luoghi comuni più retrivi nella nomea che abbiamo all’estero, tra cui il potere dei clan familiari.

    La battuta più interessante e veritiera è quella della “terrorista” sull’aereo: “Per distruggere il paese non serve il terrorismo, basta Checco!”.

    Ho l’impressione che il grande successo del film, formalmente ben fatto, sia dovuto al compiacimento di una gran parte del pubblico per questi “andazzi”. Credo che il nostro paese abbia bisogno di ben altre storie, questa non è né leggera né divertente.

    • GRANDE SUCCESSO DI "Che bella giornata"
      10 febbraio 2011, di Silvana Carletti

      Sono perfettamente d’accordo con lei, ma in un’Italia, "drogata" dalla televisione commerciale a dir poco spudorata, che ha cancellato ogni morale, ogni ritegno e, soprattutto i sogni e le speranze dei giovani, in nome di "Un grande fratello", penso che se c’è qualcuno, anche un comico, che ha il coraggio di uscire fuori dal coro e di rappresentare il nostro Paese così come è (purtroppo!), sia un fatto positivo. Se non altro perchè dimostra, finalmente, che "non va tutto bene" come afferma da sempre chi , per proprio tornaconto, è abituato a nascondere fatti e misfatti.
      E, dato il successo del film, direi che non è poco!

  • Un grave lutto per la nostra redazione.
    24 giugno 2009, di antonella

    In morte di Zio Arturo

    ......................

    "La morte ci ha da trovar vivi"

    e Tu carissimo Zio

    con la Tua immane cultura,

    la Tua umanità,

    i valori che esprimevi,

    quando, prodigo,

    non lesinavi consigli ed incoraggiamenti

    a tutti noi,

    Eri vivo.

    Oggi che non sei più

    il Tuo ricordo sarà per noi lo sprone

    a fare sempre meglio, perchè

    "Le urne dei forti gli animi accendono".

    Tu resterai per noi l’eterno faro.

    ......................

    Antonella, Alessandro e Francesca Iovino