INFORMAZIONE
CULTURALE
Gennaio 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4201
Articoli visitati
3744007
Connessi 1603

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
SPETTACOLI E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
21 gennaio 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: SPETTACOLI E COSTUME


IL BULLISMO: UN MALE DEL SECOLO

martedì 10 ottobre 2017

Segnala l'articolo ad un amico

 

Il recente episodio tristissimo di un ragazzo ora in coma per il pestaggio di un gruppo di giovani è l’ennesimo episodio di una violenza sfrenata che non accenna a diminuire.

Nelle scuole, nei locali di ritrovo, specie notturno, esplode più che mai questo tipo di ingiustificata prevaricazione verso i più deboli ed indifesi. Sono per lo più gruppi di giovani che, sentendosi forti nel numero, attaccano chi è più solo ed insicuro per scatenare su di lui la loro rabbia contro il mondo, la loro insoddisfazione perenne per la vita e per qualsiasi tipo di sentimento.

Sono dei codardi, innanzi tutto, perché agiscono in tanti contro uno e, subito dopo il misfatto, fuggono e si nascondono.

La drammatica vicenda del diciassettenne avvenuta a Roma, è il classico esempio di quanto può avvenire, senza alcun motivo, senza alcuna possibile spiegazione.

Il vuoto esistenziale che sempre di più condiziona l’esistenza di ragazzi spesso abbandonati a loro stessi da famiglie stravolte nei loro ruoli, da genitori troppo impegnati a far quadrare il bilancio familiare o, peggio, disoccupati e con mille problemi da affrontare, tanto da non avere il tempo di seguire i propri figli nell’impegno scolastico, di occuparsi, in una parola, della loro crescita adolescenziale, è, probabilmente, la prima causa di questi misfatti cui la legge può intervenire in modo poco rigoroso, specie se si tratta di minorenni.

E’ il frutto di una società malata che peggiora di giorno in giorno e a cui sarebbe urgentissimo cercare di porre dei drastici rimedi.



 



Forum