INFORMAZIONE
CULTURALE
Aprile 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4383
Articoli visitati
3831605
Connessi 23

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
27 aprile 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: COSTUME E SPETTACOLI


NO STOP ALLA TELENOVELA ALBANO-ROMINA

lunedì 9 ottobre 2017

Segnala l'articolo ad un amico

 

E’ possibile che tra le nuove generazioni non vi sia un cantante, un attore, un’attrice che riescano a far parlare di sè, nel bene e nel male, senza riproporre sempre gli stessi personaggi, le stesse vicende pubbliche e private che, certamente, hanno fatto ormai il loro tempo e incominciano a stancare il pubblico italiano?

E’ possibile che gli ex coniugi Carrisi riempiano continuamente i giornali di gossip, le interviste Tv, i programmi televisivi e quant’altro?

Non c’è nessun altro protagonista della musica, del cinema, del teatro che possa sostituire chi è stato certamente famoso, ma che dovrebbe dare posto alle nuove generazioni che, con tutti i difetti che si possono loro attribuire, avranno sicuramente qualcosa di nuovo e di interessante da proporre…?

JPEG - 9.6 Kb
CARLO CONTI

Anche tra i presentatori TV, appaiono sempre i soliti noti: Carlo Conti (onnipresente) Amadeus, Fabrizio Frizzi, Gerry Scotti: certamente sono molto bravi nel loro impegno, ma rinnovare, a mio parere, sarebbe preferibile per dare una marcia in più a certi programmi che rimangono un po’ troppo ripetitivi.

Non si possono, inoltre, riproporre 8 o 10 edizioni di una stessa fiction; per quanto indice di share abbia avuto, non è consigliabile allungare all’infinito un programma di successo.

Forse mancano gli autori geniali o le idee, ma sarebbe auspicabile un cambio di rotta, anche generazionale, per rendere più piacevole la nostra televisione che rappresenta un preziosissimo strumento d’ informazione, ma anche di svago e di poliedrico interesse.



 



Forum