INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2017



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 1864
Brevi on-line  2106
Articoli visitati
3686577

Connessi 11

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
CINEMA
SPETTACOLO E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-17 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
13 settembre 2017   e  
21 settembre 2017



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: SPETTACOLO E COSTUME


UN CASO DI VILOLENZA SU MINORE

sabato 9 settembre 2017 di La Redazione
Eventi segnalati: Evento avvenuto

Segnala l'articolo ad un amico

 

Articolo dell’Avv. ANDREA AGOSTINI

#Violenza #sessuale a danno di #minore #disabile : all’uomo basta confessare per evitare il carcere. Accade a Reggio Emilia in questi giorni.

E’ il 10 luglio scorso quando un minore di 13 anni, disabile per deficit cognitivi, viene attirato in campagna con la scusa di un giro in bicicletta dal vicino di casa di 21 anni, che lo stupra e poi cerca di persuaderlo a non raccontare nulla ai genitori.

Ma il bambino racconta, il padre chiama subito al telefono il giovane, che nega ed allora i genitori si recano a casa del vicino, che pressato cede e confessa loro il reato.

L’esame medico conferma la violenza subita.

Lo stupratore rinnova poi la confessione innanzi alle Autorità, asserendo però che il minore disabile era consenziente al rapporto sessuale.

Il Pubblico Ministero chiede la custodia cautelare in carcere, ma il Giudice per le Indagini Preliminari dispone gli arresti domiciliari.

Accade però che chi ospita l’indagato confesso, scoperto l’accaduto, non lo vuole più in casa e lo allontana.

L’indagato così non ha più un domicilio, quindi il PM rinnova la richiesta di custodia cautelare in carcere, ma il GIP accoglie la richiesta della difesa. Obbligo di firma alle 9 e alle 18 presso la caserma dei Carabinieri; divieto di avvicinamento a meno di duecento metri al bambino e a qualsiasi luogo da lui frequentato, senza braccialetto elettronico; divieto di espatrio essendo il reo confesso un pakistano richiedente asilo con permesso di soggiorno di sei mesi in scadenza.

La coscienza di ognuno si indigna, nella considerazione, che è anche precisa norma di legge, per la quale ogni misura cautelare limitativa della libertà personale “deve essere proporzionata all’entità del fatto e alla sanzione che sia stata o si ritiene possa essere irrogata”.

A prescindere che vi sia stato o meno abuso dello stato di inferiorità psicofisica della vittima, è certo un fatto: la persona offesa è minore di anni 13. Siamo quindi in presenza del reato di violenza sessuale aggravata su infoquattordicenne.

Fosse pure vero e provato il consenso della vittima al rapporto sessuale, sempre di reato si tratta: atti sessuali con minorenne, fattispecie punita con la stessa pena della violenza sessuale non aggravata.

In astratto il consenso potrebbe pure portare a qualificare il reato come di “minore gravità”, con conseguente abbattimento della pena, ma ciò appare in verità assai difficile.

Il giudice dovrà infatti scendere nel concreto della vicenda e compiere “una valutazione globale del fatto, nella quale assumono rilievo i mezzi, le modalità esecutive, il grado di coartazione esercitato sulla vittima, le condizioni fisiche e psicologiche di quest’ultima, anche in relazione all’età” (cfr. Cassazione Penale, Sezione III, sentenza 31 marzo 2017 n. 16443).

Certo le misure cautelari non possono servire a scontare anticipatamente la pena di una probabile condanna e diamo pure per buona la volontà collaborativa di chi confessa la propria responsabilità, ma qualcosa davvero non torna nella decisione del Giudice.

Presenti i gravi indizi di colpevolezza, che si ravvisano nell’accertamento medico dello stupro e nella confessione del crimine, le esigenze cautelari ci sono?

Non il rischio di inquinamento delle prove, ma il pericolo concreto di reiterazione del reato pretende attenzione.

Il giovane si sarà pure detto pentito e consapevole del crimine commesso, ma resta il fatto che egli, dopo avere approfittato di un disabile di 13 anni, ha tentato di persuaderlo a mantenere il segreto, dimostrando con ciò che vi erano ben altri intendimenti in animo di chi non è stato capace di contenere il proprio istinto sessuale.

Comunque di certo uno straniero senza lavoro, senza dimora e con permesso di soggiorno in scadenza, non può non dirsi a rischio concreto di fuga. Insomma sussistendo i gravi indizi di colpevolezza e le esigenze cautelari, mancando prove contrarie, deve presumersi che l’unica misura cautelare adeguata sia quella della custodia cautelare in carcere e non altre (cfr. Cassazione penale, Sezione III, sentenza 4 maggio 2016 n.18495, Cassazione penale, Sezione III, sentenza 10 dicembre 2013 n. 1488). Pertanto la Procura di certo impugnerà la decisione del GIP innanzi al Tribunale del Riesame e rinnoverà la richiesta di custodia cautelare in carcere, ma nel frattempo cosa accadrà?



 



Forum

  • BURNOUT E MULTITASKING
    21 aprile 2017, di simonetta pancotti

    terribile... è il male della nostra epoca...

  • 18 maggio 2013 Pittura Estemporanea al Borgo Sant’Eligio e Piazza Mercato (Napoli)
    25 aprile 2013, di Luciano De Vita

    Una opportunità per gli artisti poco noti di farsi conoscere.

  • VIII RASSEGNA INTERNAZIONALE DI ARTE PITTORICA CONTEMPORANEA “PREMIO TARGA D’ORO CITTÀ DI GUBBIO – 2013”
    17 gennaio 2013, di matilde orsini

    Gentile Artista Melita Gianandrea,

    E’ con piacere che La invitiamo a partecipare all’VIII RASSEGNA INTERNAZIONALE DI ARTE PITTORICA CONTEMPORANEA - “PREMIO TARGA D’ORO CITTÀ DI GUBBIO – 2013” .

    L’invito è mirato a 35 Artisti scelti dal Comitato Selettivo composto da ARTEC, C.A.S. e NautArtis.
    La preghiamo cortesemente di volerci comunicare la Sua decisione in merito anche se negativa, entro il 27 Gennaio.

    La ringraziamo anticipatamente e porgiamo i più cordiali saluti artistici,

    Ing. Matilde Orsini - "Regina"
    Presidente NautArtis
    Associazione Culturale Gubbio
    Sul sito http://www.associazionenautartis.it... il nostro programma per il 2013 e il regolamento dell’VIII Rassegna - Gubbio 2013.

  • "IL MARITO DI MIO FIGLIO" AL TEATRO DELLA SOCIETà FILARMONICO DRAMMATICA di MACERATA
    30 aprile 2011, di CFD Macerata

    Grazie infinite per il Suo meraviglioso articolo!
    E’ stata davvero una fantastica giornata. Ci siamo molto divertiti!
    Grazie al caloroso pubblico e a tutte le dimostrazioni di affetto.
    Fabio Campetella.

  • GRANDE SUCCESSO DI "Che bella giornata"
    22 gennaio 2011, di Luciano De Vita

    CHE BELLA GIORNATA, c’è poco da ridere a parte alcune gags, anzi da piangere.
    Una spietata immagine dell’ignoranza e della prosopopea di una notevole parte degli abitanti di questo nostra Italia che celebra quest’anno il suo 150° anniversario di esistenza come nazione, cittadini che con questi atteggiamenti ci stanno portando ad un collasso dell’economia e ad un clima di sfascio morale.
    L’enfasi dei luoghi comuni più retrivi nella nomea che abbiamo all’estero, tra cui il potere dei clan familiari.

    La battuta più interessante e veritiera è quella della “terrorista” sull’aereo: “Per distruggere il paese non serve il terrorismo, basta Checco!”.

    Ho l’impressione che il grande successo del film, formalmente ben fatto, sia dovuto al compiacimento di una gran parte del pubblico per questi “andazzi”. Credo che il nostro paese abbia bisogno di ben altre storie, questa non è né leggera né divertente.

    • GRANDE SUCCESSO DI "Che bella giornata"
      10 febbraio 2011, di Silvana Carletti

      Sono perfettamente d’accordo con lei, ma in un’Italia, "drogata" dalla televisione commerciale a dir poco spudorata, che ha cancellato ogni morale, ogni ritegno e, soprattutto i sogni e le speranze dei giovani, in nome di "Un grande fratello", penso che se c’è qualcuno, anche un comico, che ha il coraggio di uscire fuori dal coro e di rappresentare il nostro Paese così come è (purtroppo!), sia un fatto positivo. Se non altro perchè dimostra, finalmente, che "non va tutto bene" come afferma da sempre chi , per proprio tornaconto, è abituato a nascondere fatti e misfatti.
      E, dato il successo del film, direi che non è poco!

  • Un grave lutto per la nostra redazione.
    24 giugno 2009, di antonella

    In morte di Zio Arturo

    ......................

    "La morte ci ha da trovar vivi"

    e Tu carissimo Zio

    con la Tua immane cultura,

    la Tua umanità,

    i valori che esprimevi,

    quando, prodigo,

    non lesinavi consigli ed incoraggiamenti

    a tutti noi,

    Eri vivo.

    Oggi che non sei più

    il Tuo ricordo sarà per noi lo sprone

    a fare sempre meglio, perchè

    "Le urne dei forti gli animi accendono".

    Tu resterai per noi l’eterno faro.

    ......................

    Antonella, Alessandro e Francesca Iovino