INFORMAZIONE
CULTURALE
Giugno 2017



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 1855
Brevi on-line  2057
Articoli visitati
3656134

Connessi 7

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
CINEMA
SPETTACOLO E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-17 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
20 giugno 2017   e  
26 giugno 2017



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: SPETTACOLO E COSTUME


TEATRO LA COMETA: STAGIONE 2017-2018

mercoledì 24 maggio 2017 di Comunicato stampa
Eventi segnalati: Prossimamente

Segnala l'articolo ad un amico

 

Stagione teatrale 2017 | 2018

Scopri le proposte della stagione

Teatro della Cometa 2017/2018

- Una stagione brillante ed intelligente che invita a rivoluzionare il proprio punto di vista per scoprire nuove e interessanti proposte culturali. Forti del successo di pubblico e critica delle ultime stagioni, al Teatro della Cometa - nella stagione teatrale 2017 /2018 - portiamo avanti un progetto culturale di alta qualità, ricco per quantità e varietà, diretto a un pubblico di tutte le età ed estremamente accessibile. Una programmazione intensa, che affronta tematiche sempre attuali, dove tra divertimento e sana riflessione si propone una personale visione critica e interrogativa sulla nostra società.

Un teatro che fa divertire e riflettere, che permette di trascorrere una serata di intrattenimento, facendo sorridere lo spettatore tra pensieri sull’individuo e sulla realtà. “Il mio obiettivo fondamentale – afferma il Direttore Artistico, Ing Giorgio Barattolo - è stato intervallare momenti di divertimento a momenti di riflessione con spettacoli che affrontano temi attuali, nuova drammaturgia, grandi storie e grandi sentimenti, senza dimenticare un po’ di sana comicità”.

Undici titoli compongono il ricco cartellone 2017/18 della Stagione del Teatro della Cometa, una stagione di pregio, che anche quest’anno si avvale della presenza della Cometa dell’Arte, gli undici incontri culturali del mercoledì, che nella passata stagione hanno ottenuto grande successo. “Far vivere il teatro – ha dichiarato Giorgio Barattolo - significa contribuire alla crescita culturale di una comunità, perché la cultura è elemento essenziale per costruire il futuro. Una nuova stagione è alle porte: noi guardiamo alla cultura e al futuro, guardate insieme a noi.

La stagione si apre il 4 ottobre con Benedicta Boccoli e Maximilian Nisi protagonisti di FIORE DI CACTUS di Pierre Barillet e Jean-Pierre Grédy con la regia di Piergiorgio Piccoli e Aristide Genovese. Uno straordinario testo che è diventato ormai un classico della commedia "brillante.

Dal 25 ottobre una straordinaria Paola Minaccioni sarà la protagonista di LA SPIAGGIA, testo e regia di Luca De Bei. Una donna e una spiaggia. Due mondi familiari eppure sconosciuti. Irene si interroga sulla propria vita, alla ricerca di una ragione per la sua solitudine. Una solitudine che affonda le radici nell’infanzia, che vive e cresce in una mancanza sottile e divorante: quella di un padre che ha abbandonato la sua famiglia per crearsi una nuova vita.

Dal 15 novembre Ludovica Modugno e Paila Pavese saranno le protagoniste di I ♥ ALICE ♥ I di Amy Conroy per la regia di Elena Sbardella. La Modugno e la Pavese, per la prima volta insieme, in un cocktail esplosivo di dolcezza e comicità. Niente buonismi o patetismi per uno spettacolo che attraverso il riso e la leggerezza arriva dritto al cuore.

Dal 6 al 31 dicembre torna in scena LA SPALLATA di Gianni Clementi, con Giorgia Trasselli, Gabriella Silvestri e Stefano Ambrogi per la regia di Vanessa Gasbarri. Commedia capace di coniugare con equilibrio ed originalità una graffiante ironia ed il calore delle atmosfere familiari più tradizionali e genuine. Lo scoppiettante intreccio narrativo denso di sorprendenti colpi di scena, viene contrappuntato dagli eventi storici di un’epoca divisa tra galvanizzanti rivoluzioni e drammi incombenti.

Il 2018 si apre con MALEDETTO PETER PAN di Michele Bernier e Marie Pascale Osterrieth, con Michela Andreozzi, regia di Massimiliano Vado, in scena dal 10 gennaio. “Maledetto Peter Pan” (in originale “Le Demon de Midi”) è un fortunato spettacolo francese, clamoroso successo di pubblico e critica, che finalmente debutta anche in Italia. Nasce come un fumetto della geniale Florence Cestac, diventato poi uno spettacolo teatrale grazie all’attrice comica Michele Bernier e alla regista Marie Pascale Osterrieth (e successivamente un film), è un progetto tutto femminile.

Il 31 GENNAIO 2018 debutterà LE BONHEUR (Ti farò felice) di Eric Assous con Sandra Collodel e Nicola Pistoia per la regia di Marco Lucchesi. Passata la soglia degli “anta”, a prescindere dai propri fallimenti, è ancora possibile amare, ed essere amati? I protagonisti di questa nuova divertente commedia di Éric Assous sono Luisa autrice di racconti per l’infanzia, separata, e Alessandro, padre di tre figlie, proprietario di un ristorante, in attesa di divorzio. Una sera s’incontrano e si piacciono. Passano la notte insieme, ma al risveglio, l’amara realtà è lì, davanti a loro.

Il 21 febbraio il sipario si apre al grande Gennaro Cannavacciuolo, ormai protagonista stabile del Teatro della Cometa con IL MIO NOME È MILLY una diva, tra guerre, prìncipi, pop e variété. In questo spettacolo, Cannavacciuolo è un narratore che canta la vita privata ed artistica di Milly. Il recital, in due tempi, traccia una biografia con le canzoni più emblematiche della cantante-attrice piemontese, dove ogni canzone è stata scelta per sottolineare un momento significativo della sua vita e della sua carriera. Applauditissimo nella passata stagione della Cometa, torna un grande interprete del teatro italiano, Massimo Venturiello protagonista dal 13 marzo di PROFUMO DI DONNA dal romanzo “Il buio e il miele” di Giovanni Arpino, diretto e interpretato da Massimo Venturiello; la voce dei brani cantati è di Tosca.

Un capitano in pensione, rimasto cieco a causa di un’esplosione accidentale, decide di recarsi a Napoli da un amico anch’egli non vedente. Il capitano si farà accompagnare in questo viaggio da un giovane soldato in permesso premio. Tra vessazioni e rimproveri, il giovane, ribattezzato “Ciccio” al pari di tutti gli sventurati che si sono succeduti nell’ingrata mansione, “scorterà” quindi il bizzarro capitano che si rivelerà un uomo dalla personalità poliedrica.

Il 4 aprile Giulio Forges Davanzati (premio le maschere 2016 come Migliore attore emergente) sarà il protagonista di INCOGNITO di Nick Payne per la regia di Andrea Trovato. Dopo i grandi successi di Londra e New York, INCOGNITO approda per la prima volta in Italia, al Teatro della Cometa. Nuova opera teatrale del giovane drammaturgo inglese, considerato dalla critica come il nuovo Tom Stoppard. Protagonista è il cervello: questo meraviglioso e sorprendente organo il cui meccanismo è ancora oggetto di studio da parte della Scienza. Quattro attori interpretano 21 personaggi che si alternano in avanti e indietro nel tempo e che ruotano attorno a tre storie principali e interconnesse fra loro.

Dal 25 aprile è la volta di GROTESK! - Ridere rende liberi di Bruno Maccallini e Antonella Ottai, diretto e interpretato da Bruno Maccallini. Grotesk è un personaggio immaginario ispirato ai tanti artisti che resero leggendario il Cabaret berlinese degli anni Venti-Trenta: un po’ mago, un po’ chansonnier, un po’ presentatore alla “Cabaret” di Bob Fosse, ma sempre un provocatore irriverente, esperto della risata, del paradosso, dello sberleffo satirico.

Ed anche questa stagione si concluderà in compagnia di Marco Zadra (9 | 27 maggio 2018) con INDOVINA CHI SVIENE A CENA scritto e diretto ed interpretato da Marco Zadra. Classismo, differenze socio culturali, etniche, ma soprattutto divergenze calcistiche sono i pretesti per rovinare quella che sarebbe dovuta essere una tranquilla cena fra amici.

Dopo il grande successo della scorsa stagione, torna al Teatro della Cometa LA COMETA DELL’ ARTE (Ottobre 2017 | Febbraio 2018 - Ore 18.15) uno spazio di incontri pomeridiani destinati a un pubblico dinamico e appassionato di tematiche culturali che andranno a integrare la programmazione della prossima stagione

teatrale. Questa seconda edizione si articola in un ciclo di 11 conferenze (da ottobre 2017 a marzo 2018) dal titolo "CIVILTA’ A CONFRONTO - Roma e il mondo".

Inoltre il Teatro della Cometa, questa stagione aderisce al Network Lettera 22 - Premio Giornalistico di Critica Teatrale under 36, e ne accoglie i concorrenti nella stagione 2017/18.



 



Forum

  • BURNOUT E MULTITASKING
    21 aprile 2017, di simonetta pancotti

    terribile... è il male della nostra epoca...

  • 18 maggio 2013 Pittura Estemporanea al Borgo Sant’Eligio e Piazza Mercato (Napoli)
    25 aprile 2013, di Luciano De Vita

    Una opportunità per gli artisti poco noti di farsi conoscere.

  • VIII RASSEGNA INTERNAZIONALE DI ARTE PITTORICA CONTEMPORANEA “PREMIO TARGA D’ORO CITTÀ DI GUBBIO – 2013”
    17 gennaio 2013, di matilde orsini

    Gentile Artista Melita Gianandrea,

    E’ con piacere che La invitiamo a partecipare all’VIII RASSEGNA INTERNAZIONALE DI ARTE PITTORICA CONTEMPORANEA - “PREMIO TARGA D’ORO CITTÀ DI GUBBIO – 2013” .

    L’invito è mirato a 35 Artisti scelti dal Comitato Selettivo composto da ARTEC, C.A.S. e NautArtis.
    La preghiamo cortesemente di volerci comunicare la Sua decisione in merito anche se negativa, entro il 27 Gennaio.

    La ringraziamo anticipatamente e porgiamo i più cordiali saluti artistici,

    Ing. Matilde Orsini - "Regina"
    Presidente NautArtis
    Associazione Culturale Gubbio
    Sul sito http://www.associazionenautartis.it... il nostro programma per il 2013 e il regolamento dell’VIII Rassegna - Gubbio 2013.

  • "IL MARITO DI MIO FIGLIO" AL TEATRO DELLA SOCIETà FILARMONICO DRAMMATICA di MACERATA
    30 aprile 2011, di CFD Macerata

    Grazie infinite per il Suo meraviglioso articolo!
    E’ stata davvero una fantastica giornata. Ci siamo molto divertiti!
    Grazie al caloroso pubblico e a tutte le dimostrazioni di affetto.
    Fabio Campetella.

  • GRANDE SUCCESSO DI "Che bella giornata"
    22 gennaio 2011, di Luciano De Vita

    CHE BELLA GIORNATA, c’è poco da ridere a parte alcune gags, anzi da piangere.
    Una spietata immagine dell’ignoranza e della prosopopea di una notevole parte degli abitanti di questo nostra Italia che celebra quest’anno il suo 150° anniversario di esistenza come nazione, cittadini che con questi atteggiamenti ci stanno portando ad un collasso dell’economia e ad un clima di sfascio morale.
    L’enfasi dei luoghi comuni più retrivi nella nomea che abbiamo all’estero, tra cui il potere dei clan familiari.

    La battuta più interessante e veritiera è quella della “terrorista” sull’aereo: “Per distruggere il paese non serve il terrorismo, basta Checco!”.

    Ho l’impressione che il grande successo del film, formalmente ben fatto, sia dovuto al compiacimento di una gran parte del pubblico per questi “andazzi”. Credo che il nostro paese abbia bisogno di ben altre storie, questa non è né leggera né divertente.

    • GRANDE SUCCESSO DI "Che bella giornata"
      10 febbraio 2011, di Silvana Carletti

      Sono perfettamente d’accordo con lei, ma in un’Italia, "drogata" dalla televisione commerciale a dir poco spudorata, che ha cancellato ogni morale, ogni ritegno e, soprattutto i sogni e le speranze dei giovani, in nome di "Un grande fratello", penso che se c’è qualcuno, anche un comico, che ha il coraggio di uscire fuori dal coro e di rappresentare il nostro Paese così come è (purtroppo!), sia un fatto positivo. Se non altro perchè dimostra, finalmente, che "non va tutto bene" come afferma da sempre chi , per proprio tornaconto, è abituato a nascondere fatti e misfatti.
      E, dato il successo del film, direi che non è poco!

  • Un grave lutto per la nostra redazione.
    24 giugno 2009, di antonella

    In morte di Zio Arturo

    ......................

    "La morte ci ha da trovar vivi"

    e Tu carissimo Zio

    con la Tua immane cultura,

    la Tua umanità,

    i valori che esprimevi,

    quando, prodigo,

    non lesinavi consigli ed incoraggiamenti

    a tutti noi,

    Eri vivo.

    Oggi che non sei più

    il Tuo ricordo sarà per noi lo sprone

    a fare sempre meglio, perchè

    "Le urne dei forti gli animi accendono".

    Tu resterai per noi l’eterno faro.

    ......................

    Antonella, Alessandro e Francesca Iovino