INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2017



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4072
Articoli visitati
3708805
Connessi 18

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
SPETTACOLI E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-17 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
16 novembre 2017   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: SPETTACOLI E COSTUME


NOVITA’ AL TEATRO PARIOLI

domenica 19 marzo 2017
Argomenti: Teatro

Segnala l'articolo ad un amico

 

STAGIONE 2016/2017

TEATRO PARIOLI PEPPINO DE FILIPPO
da martedi 21 a domenica 26 marzo 2017

SUONI E SCENE
presenta

BENEDETTO CASILLO
in CAVIALE E LENTICCHIE
Di Scarnicci, Tarabusi, Taranto, Casillo

Con Benedetto Casillo Scene Max Comune Costumi Isa Di Lena Regia Benedetto Casillo

- Al Teatro Parioli Peppino De Filippo, da martedi 21 a domenica 26 marzo, Caviale e lenticchie di Scarnicci, Tarabusi, Taranto, Casillo, con Benedetto Casillo, regia Benedetto Casillo. A metà degli anni ’50 Scarnicci e Tarabusi, celebri autori di rivista, lasciarono per un poco musiche e lustrini, per firmare una commedia d’intreccio, leggera e brillante, "Caviale e lenticchie" portata al successo anche televisivo da Nino Taranto, e rappresentata spesso anche all’estero. Nonostante gli autori non fossero napoletani, il testo, per lo spunto fantasioso della trama, ispirata all’arte di arrangiarsi, si presta benissimo allo spirito comico partenopeo.

- Ora lo porta in scena Benedetto Casillo, beniamino del pubblico napoletano, che ne cura una rispettosa rilettura e la regia. Il protagonista è Ferdinando Cafiero, che si atteggia a filosofo e artista. Non ha voglia di lavorare e, per tirare a campare, fa l’ospite abusivo in feste e festini della buona società. Può fare così incetta di cibi e bevande che poi rivende a ristoranti e trattorie. Particolarmente pittoreschi i componenti della famiglia del nostro Ferdinando e del vicinato. C’è la sua donna Nannina nell’esasperata attesa di essere sposata. Ci sono i figli. C’è una zia zitella che vive da gran diva il suo lavoro di addetta alle pulizie di un teatro.

- Ci sono sfaccendati, garzoni, mariuoli, invasati giovanotti emuli di Elvis Presley. In questo colorito quadro si innesta una situazione da miseria e nobiltà. L’ineffabile don Ferdinando, spacciandosi per autorevole commendatore, porta in casa un manipolo di aristocratici, chiamati a beneficare la sua famiglia bisognosa. Una sceneggiata irresistibile. Ma la faccenda si complica, per un perfido tutore che vuole sbarazzarsi del suo nobile rampollo, la messinscena di un delitto, un cadavere che appare e scompare, nella sarabanda di un farsesco thriller notturno. Poi il lieto fine.

INGRESSO: Platea € 27,00 Galleria € 22,00

Teatro Parioli Peppino De Filippo Via Giosuè Borsi 20, 00197 – Roma tel. 06 8073040 www.parioliteatro.it



 



Forum