INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5103
Articoli visitati
4199526
Connessi 5

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
12 novembre 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: COSTUME E SPETTACOLI


PINOCCHIA AL TEATRO DEI CONCIATORI

domenica 29 giugno 2014
Argomenti: Teatro

Segnala l'articolo ad un amico

 

Teatro dei Conciatori
Contemporary Urban Theatre

30 GIUGNO, 1 e 2 LUGLIO 2014 – ore 21:00

PINOCCHIA
di Stefano Benni

regia: Monia Manzo
con
Monia Manzo, Gioia Cellentani, Lorena Tuveri, Paolo Cordiviola, Nadia Clivio

Scenografia: Fabio Calascibetta

- Sarà in scena al Teatro dei Conciatori il 30 giugno e l’ 1 e 2 luglio 2014 – ore 21:00 lospettacolo PINOCCHIA di Stefano Benni, regia: Monia Manzo; con Monia Manzo, Gioia Cellentani, Lorena Tuveri, Paolo Cordiviola, Nadia Clivio.

- Le opere di Stefano Benni sono sempre state una pietra miliare nella letteratura contemporanea italiana: il suo stile e le sue storie sono una commistione vincente tra cruda realtà e un onirico mondo parallelo composto da immaginari esseri zoomorfi.

- In particolare in Pinocchia lo scontro di opposti inconciliabili rappresenta una costante: i disvalori hanno inevitabilmente la meglio sugli elementi socialmente e umanamente costruttivi - così la falsità sulla verità, l’opportunismo sulla lealtà, il sogno irrealizzabile sulla realtà immutabile.

- In questo scenario, Pinocchia si inserisce come una pièce che da vita ad una donna/figlia/marionetta, dalla cui potenza evocativa sono stata immediatamente folgorata. Questa "robottina" incarna gli innumerevoli e confusi ruoli che una donna moderna spesso rappresenta con cinica consapevolezza, mentre in altri casi senza nessuna coscienza o possibilità di poter scegliere la propria vita, a causa di un diffuso disagio per lo più di origine socio-culturale.

- Veline, femme fatale, giovanissime amanti/figlie sono ormai i prototipi contemporanei da dover adottare, indispensabili per molte, troppe donne giovani o meno giovani che vogliono ottenere la benevolenza di uomini sempre più accentratori e maschilisti.

- Nella pièce troviamo i personaggi collodiani rivisitati da Benni in maniera esilarante e con una vena di sottile cinismo che non guasta. Il gatto e la volpe diventano così due impresari mascalzoni, la fatina si trasforma in una benevola maîtresse che inizia le ragazze all’arte della seduzione e il grillo parlante ci viene riconsegnato nelle vesti di un tuttologo dei nostri tempi. E come non essere poi affascinati dal linguaggio del testo, frutto di musicalità e sperimentali esercizi di stile?

- In questo virtuosismo linguistico si cela il pensiero veloce e allusivo di uno scrittore che precorrendo i tempi non finisce mai non solo di stupirci ma soprattutto di incantarci.

TEATRO DEI CONCIATORI - Contemporary Urban Theatre
Via dei conciatori, 5 – 00154 ROMA
Tel. 06.45448982 – 06.45470031 - info@teatrodeiconciatori.it
Direzione Artistica: Antonio Serrano – Gianna Paola Scaffidi

Dove siamo: (clicca qui per vedere la mappa)
Costo biglietti: intero 18 euro, ridotto 13 euro; tessera associativa 2 euro.
Orario spettacoli: lunedì, martedì, mercoledì venerdì e sabato ore 21,00 – giovedì e domenica ore 18,00
Riduzioni per gli studenti universitari, gli over 65, tutti coloro che si presentano in teatro come lettori di Saltinaria.it, Teatro Italiano.

Il Teatro ha il patrocinio gratuito del Municipio VIII (ex XI)



 



Forum