INFORMAZIONE
CULTURALE
Gennaio 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4705
Articoli visitati
3999178
Connessi 878

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
22 gennaio 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

IL LAVORO NOBILITA L’UOMO?

Il lavoro da nobile è diventato mobile
martedì 1 giugno 2010 di Savino De Rosa

Argomenti: Opinioni, riflessioni
Argomenti: Sociologia


Segnala l'articolo ad un amico

Leggevo qualche giorno fa un articolo sul mondo del lavoro dei nostri tempi e mi ha colpito l’assenza totale di espressioni che dessero al lavoro la dignità che merita. Non si ha più memoria della famosa espressione “il lavoro nobilita l’uomo”, ma bensì si è radicalizzata una sua modificazione che recita “il lavoro mobilita l’uomo”.

Si parla di mobilità nel mondo del lavoro da diversi anni e tutti hanno teorizzato sul tema con posizioni molto contrastanti e risvolti controversi nell’ambito dei sistemi organizzativi delle aziende: l’obiettivo mirava ad aumentare l’efficienza, ridurre i costi del lavoro e creare altre opportunità.

JPEG - 19.6 Kb
Chaplin

Ma la realtà che si vive oggigiorno ha dimostrato che l’applicazione selvaggia di tali strategie non ha migliorato né le condizioni lavorative, né ha aumentato i posti di lavoro, al contrario li ha ridotti drasticamente.

Negli anni ‘90, allora dirigente aziendale, ero orgoglioso di rappresentare l’azienda al top nell’applicazione dei sistemi di qualità, che miravano alla soddisfazione del consumatore/ cliente, con risultati conseguiti attraverso la partecipazione di tutto il personale in ogni settore. L’applicazione dei sistemi di qualità rappresenta la massima evoluzione dei metodi di lavoro, perché è l’individuo, con capacità ed esperienze polifunzionali acquisite, che si fa garante della qualità del prodotto finale. La formazione, la partecipazione e la motivazione erano gli elementi trainanti di questo processo. Quanti successi, quanta forza nel coinvolgere le persone, quante emozioni nel vedere il “meno capace” presentare un risultato o una soluzione!

JPEG - 20.9 Kb
Senso di appartenenza

In quegli anni ci fu un netto miglioramento dei parametri aziendali, sia produttivi che relazionali. Si ebbero anche i più bassi tassi di assenteismo e l’incidenza degli infortuni sul lavoro si ridusse drasticamente, perché la forza della motivazione, della partecipazione è sempre un motore trainante formidabile. Far eseguire la mappatura delle possibili cause di infortunio di una macchina di produzione dal personale che vi opera, non da ispettori esterni, fornisce una più elevata possibilità di evidenziare rischi nascosti che solo gli addetti conoscono e, pertanto, possono mettere in risalto.

JPEG - 18.7 Kb
Rispetto R. Sennet

Ma negli anni a seguire, sulla scia dei successi e dei risultati acquisiti, si è sviluppata la logica del profitto massimo che in sintesi ha comportato la concentrazione in siti produttivi più efficienti, con chiusura di altri, il trasferimento di attività in nazioni con costi più bassi, la mobilità interna è diventata esterna e la precarietà, con la consequenziale paura di perdere quel poco che si ha, è diventata la modalità di lavoro, in particolare per i giovani.

Il lavoro si è spersonalizzato, manca la dignità e si vive sempre nell’incertezza. Gli sviluppi di carriera si sono rallentati ed in molti casi azzerati. L’identità, il senso di appartenenza, la vicinanza al compagno di lavoro, sono valori che si sono persi drammaticamente. L’individuo si sente solo ed il turnover spietato lo isola sempre di più. La pressione psicologica esaspera e, sentirsi non parte dell’azienda, ma oggetto interinale, crea anche disturbi nel comportamento.

E’ indispensabile rivedere la logica del profitto massimo e rilanciare quella del cliente, non solo come soggetto che acquista, ma come colui che avendo un lavoro “sicuro” è in grado di acquistare e quindi di generare profitto.

 



  • IL LAVORO MORTIFICA I GIOVANI!
    2 giugno 2010, di marco.derosa@ihg.com

    la situazione e’ ancora piu’ drammatica quando si fa riferimento ai giovani, in Italia la disoccupazione giovanile e’ ai massimi storici 30%. I dati sono ancora piu’ drammatici per i neolaureati costretti a migrare all’estero, (molti scelgono Londra come me), per trovare una prima occupazione, molti costretti a lavori manuali spesso come camerieri a causa dell’insufficiente livello della lingua inglese..
    Una situazione veramente mortificante! Quando si comincera’ ad investire realmente nella risorsa piu’ importante del paese?

  • IL LAVORO NOBILITA L’UOMO?
    1 giugno 2010, di Savino De Rosa

    Parole sante Savino: condivido pienamente la tua analisi. Il pasticcio finale lo hanno poi combinato spesso i private equities che hanno imperversato negli anni scorsi acquisendo le aziende mediante il loro (delle Aziende acquisite!) indebitamento (con leve finanziarie “delinquenziali”) e allontanando ancora di più il focus da quella spirale virtuosa che tu rimpiangi per attuare le logiche della finanza speculativa nelle realtà industriali.
    Speriamo che le cose cambino.

    Mario Zearo

  • IL LAVORO NOBILITA L’UOMO?
    1 giugno 2010, di Savino De Rosa

    il tema è di drammatica attualità. La concorrenza dei nuovi paesi
    industriali pone sfide drammatiche alle nostre aziende in Europa. Come
    sopravvivere ai loro bassi costi? Senza trovare nuove aree di sviluppo
    tecnologico e di servizi fuori dalla mischia cindiana forse è difficile
    ridare dignità a chi lavora nei paesi di vecchia industrializzazione. Mi
    sembra che possiamo permetterci... la dignità solo meritandocela come
    sistema. Magari partendo dall’innovazione, e quindi dalla qualità
    dell’istruzione, qualità delle classi dirigenti, impegno ed intelligenza
    di tutti.
    Lino Ciceri