INFORMAZIONE
CULTURALE
Agosto 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6376
Articoli visitati
4697230
Connessi 11

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
12 agosto 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

LO SCRIVANO BARTLEBY

AL TEATRO QUIRINO Dal 29 Marzo al 3 Aprile
giovedì 31 marzo 2022 di Roberto Benatti

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

Lo scrivano del celebre scrittore newyorkese Herman Melville va in scena al Quirino. La voce narrante dello spettacolo è il proprietario dello studio legale in cui Bartleby lavora. Il padrone è un avvocato sulla sessantina, gentile e onesto. Siamo in un ufficio di Wall Street dell’America dell’Ottocento. L’avvocato mette subito in allerta lo spettatore riguardo al resoconto su Bartleby, che viene definito “fra tutti gli scrivani fu il più strano che io abbia mai visto o di cui abbia sentito parlare”.

Bartleby è effettivamente un giovane atipico. Viene assunto per la sua innata capacità di copiare complicati documenti forensi e per la sua taciturna educazione. Nel suo angolino, lo scrivano passa tutto il giorno a scrivere e a riscrivere, fermandosi solo per sgranocchiare qualche biscotto allo zenzero. Arrivano poi le incomprensioni e le riflessioni, le risposte spiazzanti del nostro Leo Gullotta, calato in modo saggio nel personaggio con una scenografia di grande effetto storico.

Lo spettacolo è dedicato all’alienazione da lavoro. Mi spiego meglio. Bartleby è impiegato in una mansione disumanizzante: passa ore e ore a leggere e a copiare documenti legali in uno spazietto claustrofobico. Lo scrivano è anche privato del panorama della sua finestra, che consiste in un muro impenetrabile. Il lavoro di Bartleby è usurante, direi quasi un impiego mortale.

Melville da grande intellettuale ci fa riflettere sugli effetti dei lavori estenuanti nella società moderna già nel 1853: un tema ancora attuale nelle nostre democrazie occidentali. D’altronde la fame o la schiavitù, come nell’800 a oggi, è la condizione primaria dell’impiego medio. Ah che umanità ferita. www.teatroquirino.it

BARTLEBY LO SCRIVANO Con Leo Gullotta di Francesco Niccolini liberamente ispirato al racconto di Herman Melville

con GIULIANA COLZI ANDREA COSTAGLI DIMITRI FROSALI MASSIMO SALVIANTI LUCIA SOCCI

scene Sergio Mariotti costumi Giuliana Colzi luci Marco Messeri

regia EMANUELE GAMBA (recupero stagione 2019/2020)

personaggi e interpreti in ordine di apparizione Rita / Giuliana Colzi Turkey / Massimo Salvianti signorina Ginger / Lucia Socci l’avvocato / Dimitri Frosali Nippers / Andrea Costagli Bartleby / Leo Gullotta

Lo spettacolo ha una durata di 80 minuti senza intervallo