INFORMAZIONE
CULTURALE
Agosto 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6376
Articoli visitati
4697234
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
12 agosto 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

IL NODO DI JOHNNA ADAMS

ALL’AMBRA JOVINELLI
domenica 20 febbraio 2022 di Patrizia Cantatore

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

Regia Serena Sinigaglia dal 17 al 27 febbraio

E’ tutta al femminile questa pièce teatrale che vede il confronto tra una madre e un’insegnante, si parla di bullismo, di rapporti genitori-figli, del ruolo della scuola e delle insegnanti. Ambra Angiolini e Arianna Scommegna interpretano con vigore via via sempre più coinvolgente queste due donne forti che affrontano una questione delicata e attualissima sul mondo dell’adolescenza.

Testo di straordinario successo negli Stati Uniti, Il nodo, della giovane Johnna Adams approda a Roma con la direzione di Serena Sinigaglia che è in cartellone all’Ambra Jovinelli e seguirà un tour nei teatri oltre che nelle scuole, grazie a un progetto di coinvolgimento degli studenti, che saranno coinvolti nello studio del testo e un confronto diretto con le attrici sulle tematiche dello spettacolo.

Il nodo ha infatti, ricevuto il sostegno sia del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, che quello del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

È l’ora di ricevimento di una maestra di prima media, si presenta la madre di un allievo che è stato sospeso ed è tornato a casa pieno di lividi. Non è molto chiaro se sia lui la vittima o sia lui stesso un molestatore ed è questo l’obbiettivo della madre, cercare di sciogliere quel nodo e svelare la verità. Il confronto è durissimo, muro contro muro, entrambi incapaci di instaurare un dialogo aperto e dare un senso al dolore, allo smarrimento e al reciproco, soffocante, senso di colpa.

Serena Sinigaglia afferma che il testo non è semplicemente sul tema del bullismo così attuale, è piuttosto un confronto senza veli sulle ragioni intime che lo generano.

Il titolo originale del testo, Gidion’s Knot, rimanda al nome del giovane Gidion, ma anche ad un gioco di parole che in inglese suona come gordian’s knot, il “nodo gordiano”. Un nodo che non può essere districato ma tagliato di netto, la metafora è quindi che certi conflitti non possono essere sciolti ma solo recisi. Il conflitto è attualissimo e riguarda valori e responsabilità fra il mondo della scuola e quello della famiglia, dove i genitori difendono eccessivamente i figli come se si trattasse di loro stessi e gli insegnanti sono lasciati soli, sottopagati e non considerati né dalle famiglie né dalle istituzioni.

L’incalzare del dialogo e dello svelamento del dramma fa scendere dal piano reale a quello mitico e così Heather Clark e Corryn Fell non sono solo l’insegnante e la madre di Gidion ma rappresentano gli individui e la società così come accadeva nelle tragedie greche. Queste due figure si fronteggiano come Medea e Giasone o Dioniso e Penteo e si spingono sull’orlo di un baratro: quello del senso di colpa.

Ognuno di noi è responsabile per ogni ragazzo ferito, umiliato, ma anche per chi umilia e ferisce. E’ il fallimento di noi individui e della società, il tentativo pleonastico di scaricare la responsabilità non fa che rendere tutto più intricato, penoso e doloroso. La madre e l’insegnante di Gidion desiderano salvare loro stesse dal baratro della colpa o forse cercano un senso alla sua morte orribile.

Grande prova attoriale da parte delle due protagoniste che ci coinvolgono in questa battaglia senza senso costringendoci a viverla sulla scena, rendendo evidente l’inutilità dello scontro e chiarendo l’importanza del “parlare” con senso di responsabilità e di rispetto imparando ad ascoltare l’altro con un atteggiamento di condivisione attiva.