INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2021



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5834
Articoli visitati
4592354
Connessi 1995

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
19 ottobre 2021   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

QUI RIDO IO DI MARIO MARTONE

AL FESTIVAL DI VENEZIA
mercoledì 8 settembre 2021 di Comunicato Stampa

Argomenti: CINEMA, Film


Segnala l'articolo ad un amico

INDIGO FILM e RAI CINEMA presentano QUI RIDO IO

un film di MARIO MARTONE

IN CONCORSO

PRESENTATO OGGI QUI RIDO IO di MARIO MARTONE IN CONCORSO ALLA 78ª MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA

Con TONI SERVILLO MARIA NAZIONALE, CRISTIANA DELL’ANNA, ANTONIA TRUPPO, EDUARDO SCARPETTA, ROBERTO DE FRANCESCO, LINO MUSELLA, PAOLO PIEROBON, con GIANFELICE IMPARATO e con IAIA FORTE

una coproduzione Italia - Spagna

prodotta da INDIGO FILM con RAI CINEMA in coproduzione con TORNASOL

Distribuzione 01 DISTRIBUTION Vendite Internazionali TRUE COLOURS

NELLE SALE DAL 9 SETTEMBRE 2021

SINOSSI Agli inizi del ‘900, nella Napoli della Belle Époque, splendono i teatri e il cinematografo. Il grande attore comico Eduardo Scarpetta è il re del botteghino. Il successo lo ha reso un uomo ricchissimo: di umili origini si è affermato grazie alle sue commedie e alla maschera di Felice Sciosciammocca che nel cuore del pubblico napoletano ha soppiantato Pulcinella. Il teatro è la sua vita e attorno al teatro gravita anche tutto il suo complesso nucleo familiare, composto da mogli, compagne, amanti, figli legittimi e illegittimi tra cui Titina, Eduardo e Peppino De Filippo. Al culmine del successo Scarpetta si concede quello che si rivelerà un pericoloso azzardo. Decide di realizzare la parodia de La figlia di Iorio, tragedia del più grande poeta italiano del tempo, Gabriele D’Annunzio. La sera del debutto in teatro si scatena un putiferio: la commedia viene interrotta tra urla, fischi e improperi sollevati dai poeti e drammaturghi della nuova generazione che gridano allo scandalo e Scarpetta finisce con l’essere denunciato per plagio dallo stesso D’Annunzio. Inizia, così, la prima storica causa sul diritto d’autore in Italia. Gli anni del processo saranno logoranti per lui e per tutta la famiglia tanto che il delicato equilibrio che la teneva insieme pare sul punto di dissolversi. Tutto nella vita di Scarpetta sembra andare in frantumi, ma con un numero da grande attore saprà sfidare il destino che lo voleva perduto e vincerà la sua ultima partita.

JPEG - 58.8 Kb
La Compagnia