INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2021



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5834
Articoli visitati
4592348
Connessi 1992

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
19 ottobre 2021   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

JEDI: IL NUOVO SINGOLO DI ANDREA CASTA

Dedicato alla nightlif "No man no cry"
venerdì 21 maggio 2021 di Comunicato Stampa

Argomenti: Arte, artisti


Segnala l'articolo ad un amico

Dedicato alla nightlif e dimenticata “No Man No Cry”, il nuovo singolo del violinista “Jedi” Andrea Casta Il musicista: “è ora di riorganizzare l’intrattenimento per i giovani che cercano socialità dopo mesi di privazione: usiamo le discoteche per concerti e musica dal vivo di artisti emergenti”

Roma, 20 maggio 2021 - E’ dedicato alla rinascita e alla nightlife dimenticata “No Man No Cry”, il nuovo brano di Andrea Casta che uscirà domani su etichetta Black Lizard Records.

Con il suo violino elettrico dall’archetto luminoso e sonorità tra house ed electro pop, il musicista e producer ripropone la hit del Dj berlinese Oliver Koletzki in una veste completamente nuova, rilanciando questo successo mondiale 6 anni dopo la versione di Jimmy Sax (140 milioni di views su Yo

Casta ci ha abituato alla sintesi tra musica elettronica e il “canto” del violino e ad un impatto visivo importante, infatti anche il nuovo singolo è accompagnato da un videoclip firmato da Ervin e Loren Bedeli, girato in luoghi immersi nella natura della Via Mala, in Val di Scalve tra Brescia e Bergamo, dove l’archetto luminoso di Andrea ci guida in una “gola” di roccia mozzafiato.

“Ormai è chiaro che ci dobbiamo avviare a una ripresa graduale e controllata per tutti i settori – spiega l’artista che invoca la riapertura dei luoghi di intrattenimento - in tantissime nazioni sono già stati portati avanti progetti pilota che hanno fatto capire come sia possibile ripartire subito con concerti e spettacoli, facendolo in sicurezza” e lancia una proposta: “a prescindere dal ballo pur di ripartire in sicurezza perché non riapriamo subito le discoteche destinandole a concerti e rassegne di giovani emergenti, dai cantautori ai rapper e band? I grandi teatri e spazi per eventi e spettacoli stanno faticando a trovare soluzioni sostenibili per i tour estivi: molte discoteche hanno logistica e organizzazione per far ripartire da subito l’offerta musicale!

Tutti noi artisti, dj e imprenditori sappiamo come farlo con responsabilità e vogliamo solo contribuire a questa rinascita senza più rimandarla”. “C’è urgente necessità di offrire occasioni di aggregazione responsabile dopo un anno di chiusure - aggiunge - cosa accadrà dal 21 giugno, finalmente senza coprifuoco? Le giovani generazioni costrette ad autogestire la loro socialità finiranno in mezzo a una strada o peggio a ritrovarsi in feste e party abusivi e fuori controllo.

E’ ora di riorganizzare le strutture e l’offerta d’intrattenimento, soprattutto per i giovanissimi che sono arrivati a livelli di compressione insostenibili, come testimonia la cronaca dei sempre più frequenti episodi di scontri incontrollati di giovani nelle piazze delle città, nei parchi e nelle periferie, frutto anche di mesi di privazioni”. “Le tanto demonizzate discoteche - sottolinea il musicista bresciano - sono di sicuro un luogo di aggregazione più sano e controllato, con la presenza di security, spazi organizzati e ingressi contingentati nel rispetto delle normative, che possono indirizzare in positivo la voglia di intrattenimento dei ragazzi. Nightlife, cultura e sport sono le “valvole di sfogo” più utili per riportare la normalità nella vita dei giovani e delle famiglie, non risolveranno di sicuro il problema ma possono essere un prezioso aiuto”.

Andrea Casta è un artista poliedrico che conosce bene l’entertainment: nel 2018 ha ricevuto il Dance Music Awards come miglior performer e la sua carriera di produttore musicale segue con coerenza la strada della dance, regalando visibilità allo strumento violino, anche grazie al suo concept sonoro e fantascientifico “The Space Violin Project”.

Casta torna in tour già da fine maggio con date a ingresso limitato in Umbria, Lombardia e Trentino.