INFORMAZIONE
CULTURALE
Gennaio 2021



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5552
Articoli visitati
4472178
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
18 gennaio 2021   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

DIO SALVI LA REGINA

Un film di Andrés Arce Maldonado
giovedì 3 dicembre 2020

Argomenti: CINEMA, Film


Segnala l'articolo ad un amico

Scritto da Sibilla Barbieri

con

Sibilla Barbieri, Igor Mattei, Mariano Rigillo, Babak Karimi, Vittorio Allegra, Ella Gorini, Maria Irma Reyas, Francesca Palmas, Silvia Mazzotta, Marta Jacopini, Paola Migneco, Elena Baroglio, Ana Brigitte Fernandez, Francesco Falabella, Alberto Caneva, Raffaella D’Avella, Filippo Gili, Vittorio Ciardo, Elio Crifò, Anna Teresa Eugeni, Jessica Cortini

e con la partecipazione di Graziano Graziani e Jun Ichikawa

La storia di una donna che dichiara l’indipendenza della sua casa dallo Stato italiano. Una commedia allegra e ribelle!

“Dio salvi la Regina” di Andrés Arce Maldonado, scritto e interpretato da Sibilla Barbieri, sarà presentato all’ XIX edizione del Festival del Cinema di Porretta Terme all’interno del concorso ‘Fuori dal Giro’. Il film sarà "proiettato" in streaming sulla piattaforma di MyMovies domenica 6 dicembre alle ore 21.00.

“Dio salvi la Regina” è una commedia lieve e felicemente ironica, che guarda al molto piccolo per parlare del grande: pone sul tavolo un tema profondo e quanto mai attuale, ma lo fa in maniera gentile, ricordandoci che alla fine, un popolo, è soprattutto una grande famiglia.

Sinossi:

Diana, madre e medico della mutua, è una donna normale con una vita normale, che decide di fare un poetico atto di insubordinazione sociale, dichiarando l’indipendenza della sua casa dallo Stato italiano. La spinge la speranza di salvare il suo “popolo”. Tutti i protagonisti – la piccola famiglia e gli amici che ogni giorno si presentano non invitati nella casa – saranno condizionati da questa singolare scelta e proiettati verso un nuovo modo di rapportarsi alla vita quotidiana, agli altri. Dovranno affrontare grandi temi: la scelta della lingua, le basi su cui si fonda il diritto, le norme che creano il tessuto sociale, la filosofia con cui educare i figli e futuri cittadini ma, soprattutto, dovranno confrontarsi con la responsabilità che comporta esercitare un potere.