INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5452
Articoli visitati
4433462
Connessi 8

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
28 ottobre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

LA CONTRADDIZIONE E’ SERVITA

di Exalibur
lunedì 31 agosto 2020

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

Per anni ed anni, si è continuato a biasimare, a contestare, a criticare, a condannare il comportamento dei nostri parlamentari dopo scandali continui, assenteismi, cambi di casacca, stipendi e facilitazioni oltre ogni immaginazione, menefreghismo di fronte ai veri drammi dell’Italia e, soprattutto, dopo verifiche ed attestazioni sul numero dei nostri deputati e senatori superiore a quello dell’Europa e, non solo, superiore a quello degli Stati Uniti (!).

E adesso, che grazie ad un referendum, è possibile ridurre il numero di chi pensa, nella maggior parte dei casi alla “poltrona”, c’è chi si oppone a tale “miracolo” ed è disposto ahimè a mantenere ancora in vita un sistema, a dir poco, scandaloso…

Dove è finita la coerenza degli Italiani?

Chi vota “no” è soddisfatto di come stanno andando le cose nel nostro Paese? Giudica che sia giusto strapagare chi, il più delle volte, è assente dal Parlamento e, sinceramente, non pone tutta la sua attenzione sul miglioramento delle condizioni generali di vita degli Italiani?

La libertà di pensiero e di giudizio è sacrosanta, ma non versi poi lacrime di coccodrillo chi favorisce una enorme differenza di strapotere economico e politico tra chi vota le nostre leggi e sceglie il nostro futuro e chi, come la maggioranza degli Italiani, non riesce a sopravvivere, tra mille stenti.

FOTO LOGO: vicenzapiù