INFORMAZIONE
CULTURALE
Luglio 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5350
Articoli visitati
4390187
Connessi 1889

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
11 luglio 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

IL RICATTO GENETICO

di Andrea Forte & Vivi Lombroso
sabato 13 giugno 2020

Argomenti: Scienza


Segnala l'articolo ad un amico

Se prendiamo i testi sacri, se leggiamo i discorsi del Buddha, i Tarocchi, ci accorgiamo che tutti sono basati sulla riproposizione sistematica di un concetto, una frase, un suono, un simbolo. C’è un motivo per cui in cronotopi diversi vengono fatte queste riproposizioni ?

Esistono delle civiltà: all’interno troviamo delle società, una provincia, ed ancora tante collettività, e poi delle famiglie, e poi tanti individui. Ci troviamo davanti un discorso di scatole cinesi.

Proseguiamo e riprendiamo il singolo e prendiamo in esame il suo organismo. Il singolo ha tanti apparati; un apparato è formato da tanti organi; un organo è formato da più tessuti, il tessuto contiene più cellule. La cellula contiene dei nuclei e citoplasma, il nucleo e citoplasma contengono i cromosomi, e questi, a loro volta, contengono delle catene di DNA. Il DNA contiene i geni, i geni sono formati da nucleotidi che contengono atomi. Se visualizzassimo questa serialità, ci accorgeremmo che dall’atomo alla civiltà esiste un filo conduttore.

Il DNA contiene tutte le informazioni. Quando in natura si altera avvengono delle mutazioni (lo si può alterare in laboratorio). Nascendo, come nasciamo ? Schiavi di mamma e papà, della società, ma soprattutto schiavi del DNA. Abbiamo un fenomeno: quello linguistico. L’alfabeto contiene 20/30 lettere. Con queste lettere vengono formate tante parole, dipende da come le mettiamo in fila. Lo stesso discorso vale per il DNA, milioni e milioni di specie diverse con variazioni diverse. Con 21 lettere formiamo milioni di parole, ma ne possiamo formare altre. Così con le sostanze di base del DNA. Quante mutazioni si possono formare ?

Guardando la natura, sembra quasi che la società cerchi di fare tutte le parole possibili e tutte le variazioni genetiche possibili.

Vediamo la situazione dall’alto. Vediamo che questa natura, per così dire, con 21 pezzetti prova tutte le combinazioni possibili e guardandole, ci accorgiamo che le combinazioni credono di essere qualcuno, ma non sanno che sono solamente delle variazioni sul tema, e poi si chiedono “perché io sono così ?” Perché la 715esima combinazione è la 715esima possibile?

Abbiamo un miliardo di combinazioni che erano possibili; hanno provato ad attualizzarsi, e non avendo ricevuto aggressioni dall’ambiente, si sono attualizzate.

Attenzione, che il ricattato è complice del ricattatore. Il ricatto c’è, la natura ti mette dentro delle sostanze per cui sei così. Il ricatto è scattato. Mi rendo complice di questo ricatto, o no ? Si dice che “più cerchi di capire come e perché, e più sei indotto a questa coazione. Nella misura in cui ti togli, recuperi autonomia”.

Facciamo un passo indietro e vediamo un fenomeno curioso: ogni cellula del corpo ha nel proprio nucleo formato da 46 cromosomi che contengono le istruzioni complete per determinare l’anatomia e fisiologia totale di un organismo. In altre parole, ogni cellula contiene le istruzioni per generare e far funzionare le ossa, il sangue, il colore degli occhi, tutto quanto. Ma ogni cellula si specializza in un settore specifico, diventa operativa in quel settore, mentre le altre istruzioni restano inattive.

È necessario che una cellula germinale ovulo con 23 cromosomi si unisca con lo spermatozoo per riavere una cellula unica con 46 cromosomi e le istruzioni complete. Questa cellula comincia a riprodursi all’interno di sé, si ingrossa fino a diventare feto e poi bambino. Fin qui tutto noto.

A questo punto, scatta una situazione strana che avviene spontaneamente in natura, il fenomeno della clonazione che è stato riprodotto anche in laboratorio. Da un esemplare A si prende un ovulo, se ne distrugge il nucleo senza distruggere il citoplasma, poi si asportano alcune cellule da un esemplare B e le si iniettano nell’esemplare A.

Ma questo nucleo che comincia a riprodursi, a dare un feto, che modello ha ? Quello dei 46 cromosomi che gli sono stati iniettati. La proliferazione avverrà secondo questi 46 cromosomi, e quindi avremo un esatto duplicato.

Aldilà delle problematiche morali, emotive, scientifiche, ci si accorge che qualsiasi cellula del nostro corpo, se immessa nelle condizioni adatte, genera un individuo completo.

Questa spinta generativa completa passa indenne, oppure succede qualcosa che non percepiamo ma che, al limite, può avvenire ? Questa energia di ciascuna cellula, che potrebbe fare 100 e fa 1, viene sfogata in qualche modo dall’ammasso di cellule ? Per esempio, questa nostra tendenza /costrizione a fare, respirare, secernere etc., questa spinta biologica repressa, viene manifestata in qualche altro modo ? Forse abbiamo un problema di surplus energetico, tipico dell’organismo vivente.