INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5417
Articoli visitati
4421439
Connessi 3

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
18 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

EMMA di AUTUMN de WILDE

Dal libro di Jane Austin al film
lunedì 25 maggio 2020 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: CINEMA, Film


Segnala l'articolo ad un amico

Emma, film diretto da Autumn de Wilde (al suo esordio come regista), tratto dall’omonimo romanzo di Jane Austen, è stato distribuito a febbraio 2020 nelle sale cinematografiche sia in U.K che in USA, mentre in Italia è apparso dal 19 marzo su Sky Prima Fila Premiere e in streaming, a causa dell’emergenza Coronavirus.

Il film si attiene alla trama del romanzo ambientato in Inghilterra all’inizio dell’800, raccontando la storia della la ricca Emma Woodhouse (Anya Taylor-Joy), orfana di madre, che passa le giornate tra assistenza al vecchio padre, pettegolezzi e futilità. Dopo il matrimonio di Miss Taylor, trova una nuova amica in Harriet Smith (Mia Goth), una ragazza abbandonata da ignoti genitori, ma istruita e ben educata in un collegio.

Anche se Emma al momento non ha alcuna intenzione di sposarsi, ha l’ossessione di combinare matrimoni influenzando le scelte altrui: quando scopre che il signor Robert Martin, un contadino del signor Knightley (Johnny Flynn), cognato di sua sorella, ha chiesto ad Harriet di sposarla, convince Harriet a rifiutare la proposta per incoraggiarla ad accettare la corte del signor Elton, non sospettando che questi invece sia innamorato di lei.

La situazione si complica quando arrivano alcuni membri molto discussi dalla loro cerchia sociale: Jane Fairfax, nipote della signora Bates, Frank Churchill, figlio del signor Weston dal suo primo matrimonio e la moglie del signor Elton che riappare all’improvviso dopo un viaggio. Innamorata a livello inconscio di Mr. Knightley anche se con lui spesso litiga, Emma cade in preda alla gelosia dopo l’arrivo della bella Jane.

Tra manipolazioni, dichiarazioni d’amore, inganni e sotterfugi, la vita di Emma procede tra alti e bassi, finché non prenderà coscienza del suo amore per Mr. Knightley, mentre per fortuna anche negli altri si fa chiarezza su veri sentimenti e legami affettivi.

PNG - 171.5 Kb
Jane Austen

L’Inghilterra della borghesia e nobiltà rurale d’inizio Ottocento è raffigurata come un mondo idilliaco dai colori pastello (fotografia, Christopher Blauvelt), un mondo che si rivela frivolo e artificioso, fatto di feste danzanti, apparenze e verbosità che celano la vera essenza delle persone, scolpite dalla Austin con la sua sottile ironia. Significativo l’incipit del film che cita il romanzo per descrivere Emma: “Emma Woodhouse, bella, intelligente e ricca, con una casa confortevole e un carattere allegro, sembrava riunire in sé il meglio che la vita può offrire, e aveva quasi raggiunto i ventun anni senza subire alcun dolore o grave dispiacere”.

Anche se in passato diverse sono state le versioni cinematografiche e televisive del libro, il film di Autumn de Wilde è buon film, benché la regista sia un’esordiente. Valida anche la sceneggiatura di Eleanor Catton, basata su dialoghi brillanti e caustici, caratteristici della scrittura di Jane Austen, notevole la scenografia di Kave Quinn, belli i costumi di Alexandra Byrne.

Bravi gli attori: Anya Taylor-Joy, Johnny Flynn, Josh O’Connor, Callum Turner, Mia Goth, Miranda Hart, e Bill Nighy. Byrne.

Da evidenziare alcune battute femministe tratte dal romanzo, come “finché gli uomini non si innamoreranno di colti intelletti anziché di volti leggiadri, una ragazza graziosa come Harriet avrà la certezza di essere ammirata e ricercata” oppure quella rivolta ad Harriet ”mi sbaglierei di molto se il tuo sesso, in generale, non trovasse le più alte pretese che una donna possa possedere”. E malgrado lo scorrere di qualche secolo, per le donne ancora appare irto di difficoltà il cammino verso le pari opportunità.

Un mondo lontano quello di Emma che oggi tuttavia ci apparve perfino invidiabile, se consideriamo gli attuali drammatici problemi

Giovanna D’Arbitrio