INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3977738
Connessi 12

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

La disumanizzazione tecnologica (Costa & Nolan, Milano) - Atlante americano (Vallecchi, Firenze) - La paura (Edizioni E/O, Roma) - Berlino-Mosca. Un viaggio a piedi (Voland, Roma)

Segnalazione libri estate 2008


martedì 10 giugno 2008 di Carlo Vallauri

Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Mario Costa
Autore del Libro : Giuseppe Antonio Borgese
Autore del Libro : Federico De Roberto
Autore del Libro : Wolfang Büscher


Segnala l'articolo ad un amico

JPEG - 12.3 Kb
La disumanizzazione tecnologica
Mario Costa

La disumanizzazione tecnologica è l’inquietante titolo di uno studio di Mario Costa (Costa & Nolan, Milano) dedicato alle influenze, nel campo dell’arte, derivata dall’introduzione ormai sistematica nella vita quotidiana dei ritrovati che, grazie al progresso scientifico, cambiano e caratterizzano la realtà. L’autore, apprezzato professore dell’Università di Salerno, si sofferma a riflettere sulle interconnessioni tra tecnica ed estetica in una serie di considerazioni filosofiche sull’accelerazione dei processi di trasformazione che dalle macchine, dal campo materiale, si riverberano sull’immateriale, dalla musica all’arte. Annotazioni critiche, sottili che disvelano le ombre che pesano sul nostro presente.

JPEG - 7.9 Kb
Atlante americano
di Wolfang Büscher

Giuseppe Antonio Borgese, scrittore e critico, che negli anni ’20 fu costretto ad andare in esilio negli Stati Uniti, ha lasciato tra i suoi libri, poi purtroppo dimenticati, una intelligente e curiosa descrizione degli Stati Uniti, ora ripubblicata da Vallecchi (Firenze) Atlante americano, a cura di Ambra Medi. Sono lettere che, riunite, offrono una singolare rappresentazione di quel che allora avveniva oltre Atlantico nel campo culturale e della vita sociale. A distanza di tanti anni questi scritti dell’autore di uno tra i più bei romanzi italiani di quell’epoca Rubè, sono straordinariamente vivi nello spiegare funzionamenti delle istituzioni, modi di esistere e le novità maggiori del tempo, dall’importanza assunta da Hollywood alle condizioni dei neri, dai costumi americani alle nuove leggi. Tutte note che confermano la straordinaria capacità interpretativa di quei fatti reali in corso in un paese colto da Borghese in una fase fondamentale di svolta.

JPEG - 15.6 Kb
La paura
Federico De Roberto

La paura (Edizioni E/O, Roma) è un racconto di Federico De Roberto che espone con efficace introspezione le tragedia individuali procurate nei soldati dalla partecipazione alla guerra nel primo conflitto mondiale. Pubblicato nel 1921, il testo appare ancor oggi come uno dei più aspri documenti dello strazio umano di quell’esperienza terribile alla quale i paesi d’Europa s’avviarono con incosciente leggerezza, ciascuna potenza convinta di poter prevalere sulle altre. Al di là del patriottismo superficiale, lo scrittore – noto soprattutto quale autore del celebre romanzo I vicerè – penetra nelle angosce proprie di quanti soffrono e combattono nelle trincee, presentando una visione amarissima e veritiera di una “guerra antieroica”, come scrive nella post-fazione Antonio Di Grado, ben diversa da quanto avevano immaginato i tanti intellettuali bellicisti.

JPEG - 11.7 Kb
Berlino-Mosca. Un viaggio a piedi
Wolfang Büscher

Il dramma della Germania contemporanea e delle terre al suo Oriente rivive nelle annotazioni di Wolfang Büscher contenute nella sua “esplorazione” Berlino-Mosca. Un viaggio a piedi (Voland, Roma). L’autore offre un attento panorama umano e culturale dei paesi che, dalla capitale tedesca a quella russa, testimoniano vicende passate di grande rilievo, dalle quali gli abitanti delle diverse nazioni hanno cercato di riprendersi con forza d’animo e volontà vitale di ripresa. Ben oltre le esperienze di viaggio emerge in quest’opera la complessità degli intrecci di popoli trascinati, loro malgrado, in un vortice senza fine. Ebbene: l’impressione del lettore di queste pagine avvincenti resta attratta dalla successione di eventi e ricordi che danno la sensazione di un profondo spirito di energia morale, trasparente dai molteplici comportamenti delle persone incontrate.