INFORMAZIONE
CULTURALE
Agosto 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5372
Articoli visitati
4400789
Connessi 2609

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
4 agosto 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

CATTIVE ACQUE

Anteprime Cinema
sabato 22 febbraio 2020

Argomenti: CINEMA, Film


Segnala l'articolo ad un amico

Un film di Todd Haynes con Mark Ruffalo, Anne Hathaway, William Jackson Harper, Bill Pullman, Tim Robbins

Dai produttori di “Green Book” e “Il caso Spotlight”, la vera storia di un avvocato in lotta per l’ambiente con il candidato all’Oscar® Mark Ruffalo

Dai produttori di “Green Book” e “Il caso Spotlight”, arriva il 20 febbraio nelle sale italiane, CATTIVE ACQUE, l’ultimo film dell’acclamato regista Todd Haynes, con un cast d’eccezione composto da Mark Ruffalo, Anne Hathaway, William Jackson Harper, Bill Pullman e Tim Robbins.

La pellicola è basata su una vicenda realmente accaduta e che ha portato alla luce un’importante problematica legata alla salute pubblica. Un caso di corruzione ad altissimi livelli, una battaglia che ha avuto la sua risonanza nel gennaio del 2016 a seguito della pubblicazione da parte del New York Times di un articolo firmato da Nathaniel Rich, che descriveva nel dettaglio l’operato dell’avvocato di Cincinnati Rob Bilott. Billot socio dello studio legale Taft Stettinius & Hollister LLP, è diventato un improbabile attivista, denunciando i pericoli causati da una sostanza chimica che stava contaminando da anni una comunità rurale. L’inchiesta è arrivata a colpire un gigante industriale responsabile di aver promosso commercialmente l’uso della sostanza incriminata.

Questa è la vera storia di Robert Bilott (Mark Ruffalo) l’avvocato ambientalista protagonista di una estenuante battaglia legale durata ben 19 anni contro il colosso chimico DuPont e di come, da uomo tenace e combattivo, ha rappresentato 70mila cittadini dell’Ohio e della Virginia, la cui acqua potabile era stata contaminata dallo sversamento incontrollato di PFOA (acido perfluorooctanico). Grazie ad uno studio tossicologico sulle vittime, Bilott riuscirà a dimostrare i rischi per la salute associati alla contaminazione delle acque e otterrà per loro un importante risarcimento.

AL CINEMA DAL 20 FEBBRAIO