INFORMAZIONE
CULTURALE
Agosto 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5379
Articoli visitati
4405243
Connessi 3749

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
14 agosto 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

COL FIATO SOSPESO AL TEATRO CIAK IN LA SCALA A CHIOCCIOLA

di ALESSANDRA MILLEFIORINI
martedì 11 febbraio 2020



Segnala l'articolo ad un amico

DALL’8 FEBBRAIO AL 01 MARZO 2020

Il teatro Ciak è ormai la sede degli spettacoli “noir” e dopo “Nodo alla Gola” e “Delitto Perfetto” arriva “ La scala a chiocciola”.

Giallo a tinte forti la pièce è la trasposizione teatrale di uno dei classici del genere scritto da Ethel Lina White nel 1933. La storia venne portata sul grande schermo nel 1946 da Robert Siodmarck e la grandissima Ethel Barrymore venne candidata all’Oscar quale attrice non protagonista per la parte di Lady Warren.

La regia è affidata alla bravissima Anna Masullo che intesse trama e ordito in modo cosi’ avvincenti da avvolgere lo spettatore nella grigia ed inquietante atmosfera della casa di campagna della famiglia Warren nel New England, dove si svolge l’azione.

La narrazione (tutto si svolge in 24 ore) svela uno alla volta i caratteri e le paure dei protagonisti. Helen la protagonista (Martina Carletti) ha 19 anni, ed è una ragazza piccola di statura, con un fisico minuto, un vero scricciolo, pallida di carnagione, dai capelli rossi luminosi e soffici. Lavora come ragazza alla pari nella grande residenza di campagna "Summit".

Il padrone di casa il Prof. Warren vive dei suoi studi di antropologia ed è convinto che le ragazze prive di cultura e di educazione siano un peso per la società e per tale motivo non debbano riprodursi per non dare vita ad una progenie egualmente indegna di vivere.

La sorella Blanche, insigne studiosa, è una donna intrappolata nella sua vita e nelle mura di casa da cui non riesce ad evadere. Neppure il suo amore ossessivo per Stephen Rice, allievo del fratello, dal quale non è ricambiata, riescono a scuoterla dal peso della famiglia. Che nasconde dei segreti agghiaccianti.

Intensi e fisici i dialoghi tra Blanche e Steven accompagnati da una coreografia di passi, che sfociano in una sorta di duello d’amore che vedrà, poi, la donna soccombere.

Interessante in quanto a cinismo ed androginia il personaggio della infermiera portata in scena con profondità ed ironia dalla bravissima Silvia Siravo.

Su tutti domina, anche dal punto di vista scenografico, Lady Warren impersonata da un bravissimo Franco Sciacca che è presente in scena anche quando non proferisce parola. La sua presenza pervade la narrazione come una sorta di nume tutelare della casa. E sarà proprio Lady Warren – personaggio non protagonista ma centrale nella storia - ad interrompere la macabra serie di delitti perpetrati nella famiglia.

La musica e le luci sottolineano i punti in cui il climax raggiunge l’apice. Da vedere con tutta la famiglia per una serata all’insegna del “noir” con eleganza.

Alessandra Millefiorini.