INFORMAZIONE
CULTURALE
Luglio 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5343
Articoli visitati
4388959
Connessi 1289

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
7 luglio 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

PUBBLICITA’ FASTIDIOSA

di Aessandro Canzoni
giovedì 6 febbraio 2020

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

Sappiamo tutti che la pubblicità è l’anima del commercio, specie quella effettuata tramite i media. Si stima che, dopo un minimo spot pubblicitario di un prodotto fino ad allora sconosciuto, il giorno seguente, gli acquisti aumentino in maniera esorbitante.

Purtroppo, però, molto spesso, il ripetersi continuato e metodico di una pubblicità rivolta sempre allo stesso prodotto, finisce per disturbare, oltre i limiti, la visione di un film, di un telegiornale, di un talk show e così via.

Come esempio, posso indicare una nota ditta di divani che, da artigianale, ha assunto dimensioni industriali in breve tempo e che, ossessivamente, ripete slogan su slogan, disturbando anche il Padre Eterno pur di lanciare sul mercato i propri prodotti che, a volte, recandosi poi nei loro negozi, risultano molto più costosi di quanto declamato in TV.

Probabilmente, non c’è rimedio all’invasione della pubblicità nei comuni programmi televisivi, ma penso, basterebbe un po’ di buon senso nel regolarizzarli, perché può esserci il rischio di allontanare i possibili clienti da un eventuale acquisto, ottenendo l’effetto contrario a quanto si propone e che viene pagato enormemente.