INFORMAZIONE
CULTURALE
Luglio 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5355
Articoli visitati
4391551
Connessi 2268

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
13 luglio 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

ACCADE ANCHE QUESTO. SERVIZIO ANAGRAFE DI ROMA PEGGIORATO

di Alessandro Canzoni
domenica 8 dicembre 2019 di Silvana Carletti

Argomenti: Attualità


Segnala l'articolo ad un amico

Dopo la recente innovazione dei servizi di anagrafe a Roma con cui si era passati dall’uso obbligatorio di internet per le prenotazioni, impresa difficile, se non impossibile per molti, specie se anziani, il Comune ha introdotto un nuovo sistema che complica ancora di più le cose.

Per ottenere un semplice certificato anagrafico, ci si deve recare in delegazione e prenotare un appuntamento che verrà fissato…dopo ore della stessa mattinata.

Così, si obbligano i cittadini a ritornare negli uffici addetti una seconda volta, dimezzando il mattino e costringendoli ad affrontare di nuovo il percorso e ad affrontare il difficile problema parcheggio.

Non solo: una volta ritornati in delegazione, bisogna attendere ancora circa un’ora per essere finalmente “serviti” dallo sportello a suo tempo designato… Ho visto persone che hanno rinunciato a ritirare certificati o, peggio, ad inveire contro tutto e tutti…

Basterebbe ritornare ai vecchi sistemi e, per i più preparati, poter usufruire dei servizi on line, se questi fossero più semplici e accessibili ad un vasto pubblico.

Forse è chiedere troppo, ma le difficoltà burocratiche peggiorano di giorno in giorno, rendendo sempre più stressante la vita dei cittadini impossibilitati a reagire di fronte a situazioni illogiche e al limite dell’assurdo.