INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5145
Articoli visitati
4220979
Connessi 17

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
8 dicembre 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

L’UFFICIALE E LA SPIA

Il miglio risultato in Italia per Polanski
martedì 26 novembre 2019



Segnala l'articolo ad un amico

Ottimo debutto per il nuovo film di Roman Polanski “L’ufficiale e la Spia” uscito lo scorso 21 novembre con 01 Distribution e prodotto da Luca Barbareschi. Una co-produzione Francia – Italia con Eliseo Cinema e Rai Cinema.

Il film ha infatti totalizzato in 4 giorni 1.215.362€ di incasso con 185.364 spettatori su 420 schermi di programmazione e una media di 2.894€, battendo gli altri film di Polanski, Oliver Twist, L’Uomo nell’ombra e il più recente Carnage.

“Sono felice che il pubblico abbia risposto con entusiasmo al film di Polanski, dimostrando ancora una volta di apprezzare l’opera di un grande Maestro. Il film anche in Francia sta ottenendo un grande successo a riprova che l’arte non viene oscurata dal pettegolezzo”, afferma Luca Barbareschi.

Luigi Lonigro, direttore di 01 Distribution, dichiara: “E’ il quinto film di Roman Polanski distribuito da 01 Distribution, un amore nato con Il Pianista nel 2002 che ci vede veramente orgogliosi di poter continuare a lavorare con questo grande Maestro e ancor di più molto soddisfatti dell’incasso ottenuto nel 1° weekend. L’Ufficiale e la Spia ha stabilito la miglior apertura di tutti i tempi per un film di Roman Polanski in Italia.

Il passaparola è eccezionale e ci aspettiamo dunque una lunga vita per questa magnifica e potente opera”.