INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5145
Articoli visitati
4220972
Connessi 14

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
8 dicembre 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

MOLTO PRIMA DI DOMANI

AL TEATRO ARGOT
venerdì 8 novembre 2019 di Comunicato Stampa

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

Dal 20 novembre al 01 dicembre 2019

Scritto e diretto da Umberto Marino

Con (in ordine alfabetico) Annalisa Arena nel ruolo di Emma, Flaminia Delfina de Sanctis nel ruolo di Alice, Andrea Pannofino nel ruolo di Teo con l’amichevole partecipazione di Federigo Ceci

Sceneografia: Enrico Serafini realizzata da La Tecnica SRL Realizzazione Scenografiche
Musiche: Paolo Vivaldi
costumi Martina Cristofari
aiuto regia Maria Stella Taccone
assistente alla regia Gabriele Claretti
audio e luci Pietro Frascaro
foto di scena Francesca Marino
organizzazione Romolo Passini
produzione Carpe Diem Produzioni srls
Con il patrocinio di Agiscuola

Tre ragazzi (un diciannovenne, la sorellina di nove, una compagna di scuola di diciassette) entrano trafelati in una piccola baita e si barricano dentro.

I genitori hanno detto loro di rifugiarsi in quel posto isolato in montagna. Hanno promesso che arriveranno tra non molto, ma non arrivano, e li lasciano soli mentre le scorte finiscono e il freddo e le minacce aumentano.

Di fuori il mondo ha cominciato a finire.

Come nelle profezie che ogni giorno cercano di farci ragionare, dopo i tifoni e le siccità, dopo le carestie e le migrazioni, è arrivata la catastrofe climatica e con lei la violenza.

I tre sono così costretti a staccarsi dagli schermi e dai social, a maturare, a scoprire i sentimenti più elementari, a imparare la penuria e l’intelligenza pratica, a vivere per perseguire lo scopo primario di ogni vita: sopravvivere.

Sopravvivere tra minacce esterne, inganni, false speranze.

Non tra duecento anni, non tra settanta, non tra venti, come dicono le previsioni più pessimiste.

Oggi.

Lo spettacolo (scena unica, tre personaggi e molta azione) ha una grande ambizione, quella di riportare a teatro i giovanissimi e di riportare il teatro alla sua funzione originaria: chiamare a raccolta una comunità per discutere delle paure, dei problemi e delle prospettive che riguardano le donne e gli uomini di una determinata epoca. Il problema che qui si tratta riguarda proprio i più giovani, che vedono il futuro come una prospettiva chiusa dall’idea, minacciosa e prossima, della Grande Fine.

Teatro Argot di Roma: dal martedì al sabato ore 20.30 domenica ore 17.30

Biglietti: 15€ intero, 10€ ridotto, 8€ studenti

Info e prenotazioni: info@teatroargotstudio.com www.teatroargotstudio.com

Foto: Francesca Marino