INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5117
Articoli visitati
4206904
Connessi 12

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
21 novembre 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

SOLO: ONE MAN SHOW DI ARTURO BRACHETTI

AL TEATRO CILEA DI NAPOLI
lunedì 4 novembre 2019 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

In scena al Teatro Cilea di Napoli dal 1° al 3 novembre, ha riscosso notevole successo Arturo Braghetti con il suo coinvolgente one-man-show, SOLO, the legend of quick-change

Dopo il successo conseguito all’estero, ritorna Arturo Brachetti nel suo coinvolgente show, un particolare assolo dedicato ai suoi ricordi e fantasie con il quale ci fa entrare nella sua casa segreta, una casa che in fondo è in ogni essere umano: qui ogni stanza racconta ricordi e aspetti diversi della nostra esistenza e gli oggetti si animano, conducendoci in mondi fantastici, pieni di sogni e desideri .

In un mix di reale e surreale, magia e verità, Brachetti si destreggia con maestria in uno spettacolo funambolico in cui il grande artista del trasformismo si diverte a creare fino a 60 personaggi, come quelli di film e telefilm, musica pop, favole e così via. Ogni tanto appare in scena anche la sua ombra sempre in lotta con lui (interpretata da Kevin Moore, un ballerino di colore).

In SOLO, tuttavia, oltre a tutto ciò, Brachetti ci affascina con altre abilità in cui eccelle, come ombre cinesi, mimo e chapeaugraphie, sand painting e quant’altro, con il supporto di una scenografia che si avvale sia di mezzi tradizionali che moderni, come il videomapping oppure i raggi laser in stile Matrix, esaltando fantasia e creatività e coinvolgendo al massimo gli spettatori .

“Certo l’abilità di trasformista c’è- ha affermato Brachetti in un’intervista- ma credo che insieme a questa ci sia il piacere di costruire spettacoli che non si limitano all’abilità di trasformista, ma usano diversi linguaggi e portano in scena un mondo. Io ad ogni spettacolo porto in scena il mio mondo, le mie passioni, i miei sogni, gli artisti, i musicisti, i film, i cartoon che amo. Se uno non ha un mondo da portare in scena si deve accontentare dell’abilità del trasformista, ma alla lunga anche questa non basta…C’è poi un altro livello che potrei definire “culturale” ed è il piacere di cogliere le citazioni di film, opere d’arte, brani musicali. In Solo ad esempio ad un certo punto mi presento vestito come Yoko Ono e il gioco sta, almeno credo nel cogliere i riferimenti che dissemino nei miei spettacoli. Il terzo livello è poi quello puramente “emotivo” che conquista anche mia madre. Mi piace pensare che chi esce dai miei spettacoli lo faccia volando, emozionato, mi piace pensare che per un’ora e mezza possa tornare ad essere Peter Pan!”

Ci sembra giusto ricordare coloro che hanno contribuito al successo dello spettacolo, come David Ottone, associated director edizione 2016-17, Stefano Genovese,associated director edizioni successive, consulenza creativa e testi, Fabio Valdemarin per le musiche, Zaira de Vincentiis per i costumi, Rinaldo Rinaldi per la scenografia, Jennifer Caodaglio per le coreografie

Dalle note biografiche apprendiamo che Arturo Brachetti, nato a Torino nel 1957, artista ammirato in tutto il mondo, ha riportato in auge il trasformismo , l’arte dimenticata di Fregoli. Famoso in tutto il mondo, è capace di portare in scena una “galleria” di oltre 350 personaggi, di cui 100 interpretati in una sola serata, mescolando sapientemente comicità, illusionismo, giochi di luci e ombre, il tutto amalgamato con poesia e cultura

Trai i numerosi riconoscimenti ricevuti figurano il Premio Molière (FR), il Laurence Olivier Award (UK), il titolo di Commendatore , assegnato da Giorgio Napolitano. Nel corso della sua carriera si è cimentato anche come regista e direttore artistico in spettacoli e concerti oltre che commedie e musical di successo. A Parigi dal 2013 al 2015 fu ancora una volta protagonista della stagione teatrale con Comedy Majik Cho (217 repliche complessive); sempre in Francia è stato giudice delle due stagioni di The Best, successo televisivo dedicato ai migliori performer professionisti, in prima serata su TF1.

Giovanna D’Arbitrio

JPEG - 12 Kb
Teatro Cilea Napoli