INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5117
Articoli visitati
4206947
Connessi 11

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
21 novembre 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

BIRTH DI ANDREA CASTA

IL NUOVO VIDEOCLIP DEL VIOLINISTA ELETTRICO
venerdì 1 novembre 2019 di Comunicato Stampa

Argomenti: Arte, artisti


Segnala l'articolo ad un amico

Realizzato nella recentissima struttura ipertecnologica del Planetario di Cosenza il brano è già supergettonato nei social

Roma, 31 ottobre 2019 - Esce oggi Birth, il nuovo videoclip di Andrea Casta, violinista elettrico internazionale conosciuto per il suo archetto luminoso e i suoi tour come performer nella nightlife di tutto mondo al fianco dei più importanti top dj.

Il video è stato realizzato, con le riprese dei giovani registi Loren e Ervin Bedeli, nel Planetario G.B. Amico di Cosenza, nuovissima struttura inaugurata la scorsa primavera, scelta per le sue caratteristiche architettoniche e tecnologiche che confermano la vocazione alla scienza e all’arte della città calabrese.

Il nuovo singolo dell’artista è il quinto episodio del racconto fantascientifico The Space Violin Project, iniziato nel luglio del 2018 con un percorso musicale che va dall’electro di Double Sun alla tech house di Warp 6, passando per scelte sonore progressive in Black Hole Tale, fino a The River, tutti successi che hanno fatto ballare migliaia di fan del globetrotter Casta in giro per il mondo.

Birth, invece, si avvicina alla future bass: nel brano il violino elettrico rallenta insieme ad una voce femminile su un groove di ispirazione dubstep, la melodia poi esplode in un drop cinematico ispirato dall’energia della nascita evocando tutte le speranze ed emozioni che precedono le avventure nello spazio del protagonista.

Nel video, nel quale il musicista riprende il suo viaggio nel futuro nei panni del Commander AJ, s’immagina che all’interno della struttura si svolga il suo addestramento in vista della prossima missione nello spazio: a istruirlo un’intelligenza artificiale impersonata dall’affascinante proiettore del planetario che, attraverso i suoi “occhi”, dà vita ad un omaggio ad HAL 9000, il supercomputer protagonista di 2001 Odissea nello Spazio.

Oggi Andrea Casta ha più di 700mila ascolti su Spotify, quasi 200mila followers sui diversi social network, e negli ultimi anni si esibisce tra le 170 e 200 date all’anno in tour che lo hanno portato in 28 nazioni del mondo.