INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5009
Articoli visitati
4161540
Connessi 8

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
18 settembre 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


I COLORI DELLA POLITICA E DEL GOVERNO

Editoriale Settembre 2019
domenica 1 settembre 2019 di Silvana Carletti



Segnala l'articolo ad un amico

Un tempo esistevano 2 colori per indicare le tendenze politiche più diffuse: i “Rossi” per indicare la sinistra e i “Neri” per la destra.

Poi si aggiunsero i “Verdi”, sostenitori dell’ecologia e “gli Azzurri” di Forza Italia.

Di recente, l’unione del Movimento 5 Stelle e della Lega ha dato nome al Governo “Giallo-verde” che, dopo la sfiducia di Matteo Salvini, deve affrontare, in questi giorni una nuova formazione per costituire un direttivo già soprannominato giallo-rosso. (Ogni riferimento alla squadra della Roma è puramente casuale…)

Ce la faranno partiti diversi tra loro in molti punti del programma ad andare d’accordo e a risolvere (finalmente!) qualche gravoso problema del nostro Paese?

Non è facile predire il futuro: certo, la volontà di evitare le elezioni e di non peggiorare la situazione, a dir poco difficile di una Nazione, come la nostra, esposta a difficoltà economiche ataviche, a disastri ecologici non indifferenti, ad un’immigrazione non controllata, ad una corruzione mai risolta, dovrà necessariamente spingere un possibile governo a rimboccarsi le maniche per affrontare con la massima correttezza ed onestà una situazione oltremodo gravosa che sta logorando le classi più abbienti.

Ce lo auguriamo, per il bene dei cittadini e per il prestigio che il nostro Paese merita in Europa e nel mondo.