INFORMAZIONE
CULTURALE
Luglio 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4964
Articoli visitati
4119001
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
16 luglio 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

L’ARTE DI SALVARE L’ARTE

Frammenti di Storia d’Italia al Palazzo del Quirinale
venerdì 10 maggio 2019 di Roberto Benatti

Argomenti: Mostre, musei, arch.


Segnala l'articolo ad un amico

Dal 3 maggio al 14 luglio 2019

Si celebra una ricorrenza importante per il nostro Stato. Una mostra curata da Francesco Buranelli, 50 anni di decisa attività investigativa e di raffinata diplomazia culturale hanno permesso al comando Carabinieri tutela patrimonio culturale di salvare e di restituire al patrimonio storico artistico del nostro paese quasi due milioni di opere d’arte di tutti i tempi, tra reperti archeologici illecitamente trafugati dal territorio nazionale, dipinti, mobilio, vasellame, arredi liturgici strappati fraudolentemente da musei, luoghi pubblici, chiese e abitazioni.

Tra i capolavori presenti in mostra la Madonna di Senigallia di Piero della Francesca, il cratere di Euphronios, il trapezophoros, La Triade Capitolina, il giardiniere di Vincent Van Gogh, le cabanon de Jourdan di Paul Cézanne, le Oreficerie Castellani, La Sacra Famiglia con una santa di Andrea Mantegna.

JPEG - 32.8 Kb
Madonna della misericordia

Una significativa selezione di questo rarissimo patrimonio culturale offre l’opportunità di rivivere storie di recuperi, alcuni avventurosi, altri frutto di minuzioso, lungo e paziente lavoro investigativo di opere allontanate in ogni angolo del mondo dalla Giamaica al Marocco, dall’Ucraina all’America, fino al Giappone.

Tutte sono state riportate in Italia, recuperate alla comunità e alla ricerca scientifica, ricontestualizzate nel territorio o nel tessuto connettivo che le ha generate, restituendo loro la dignità culturale più vera e profonda di ogni opera d’arte, quella del contesto di appartenenza.

JPEG - 32.3 Kb
Madonna di Senigallia

Poiché, se è vero che ogni opera d’arte appartiene all’umanità intera, è tanto più vero che essa acquisisce valore di civiltà solo dalla conoscenza e dalla profonda relazione geografica e fisica con i luoghi che l’hanno prodotta, con la cultura che l’ha generata, con il paesaggio che l’ha suggerita.

Per visitare la mostra occorre effettuare la relativa prenotazione sul sito web del Quirinale

http://palazzo.quirinale.it/mostra