INFORMAZIONE
CULTURALE
Luglio 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4964
Articoli visitati
4119081
Connessi 8

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
16 luglio 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

STANLIO E OLLIO, INDIMENTICABILE COPPIA DI COMICI

Nostalgico ritorno sugli schermi
mercoledì 8 maggio 2019 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: CINEMA, Film


Segnala l'articolo ad un amico

Stanlio e Ollio, in inglese Laurel & Hardy, indimenticabile coppia di comici, interpretarono insieme ben 106 film e divennero amici anche nella vita pur essendo molto diversi l’uno dall’altro per aspetto fisico, carattere e perfino nazionalità: Stan Laurel era nato in Inghilterra a Ulverston nel 1890 e Oliver Hardy nel 1892 negli Usa ad Harlem.

In un’intervista Oliver Hardy affermò con umiltà e saggezza: “Il mondo è pieno di persone come Stanlio e Ollio. Basta guardarsi attorno: c’è sempre uno stupido al quale non accade mai niente, e un furbo che in realtà è più stupido di tutti. Solo che non lo sa”. Le sue parole mi son venute in mente mentre guardavo il film “Stanlio&Olio”, di J.S. Baird, tratto dal libro “Laurel & Hardy - The British Tours “ di A.J. Marriot, centrato in particolare sugli ultimi anni di carriera dei due famosi comici, durante il tour nelle isole britanniche del 1953.

In un rapido flash back ho ricordato i loro film riproposti dalla televisione in bianco e nero negli anni ’50, quando esistevano solo due canali e a noi veniva consentito di vedere solo la Tv dei ragazzi. Non immaginavo allora che due attori così famosi avessero lottato tutta la vita per problemi economici, come viene evidenziato dal regista scozzese Jon.S. Baird.

La storia nel film inizia nel 1937, mentre la celebre coppia sta girando alcune scene di” I Fanciulli del West”. Benché all’apice del successo i due attori sono in difficoltà economiche e pertanto Stan Laurel (Steve Coogan)litiga con il produttore Hal Roach (Danny Huston) per i loro scarsi compensi rispetto agli alti introiti da lui incassati. Ecco la nota scena in cui danzano nel suddetto film: https://www.youtube.com/watch?v=yl9...

Quando Stan accetta un nuovo contratto con la 20th Century Fox, Oliver (John C. Reilly) non potrà seguirlo per problemi economici che non gli consentono di rompere un contratto individuale con Roach, decisione purtroppo mal interpretata dall’amico e causa di una lunga separazione.

Dopo 16 anni ritroviamo i due attori invecchiati e in cattiva salute per abuso di alcolici: Stan è diabetico, Oliver iperteso e cardiopatico. Sempre al verde, divorziati e di nuovo sposati con due strambe donne, in attesa di girare un film comico su Robin Hood, accettano una tournée teatrale nelle isole britanniche.

JPEG - 19.7 Kb
Stanlio e Ollio

Dimenticati da tutti, alloggiati in hotel di terz’ordine e costretti a recitare in piccoli teatri, solo quando accettano l’idea dell’impresario Bernard Delfont (Rufus Jones) di farsi pubblicità partecipando a vari eventi, la loro popolarità rifiorisce con notevole aumento di pubblico ai loro spettacoli.

Intanto la sfortuna sembra perseguitarli: il produttore Harold J. Miffin, cancella il film su Robin Hood, benché a Londra il loro successo sia in ascesa e il prestigioso Lyceum Theatre registri il tutto esaurito. Come se non bastasse, purtroppo Oliver ha un grave attacco cardiaco, in parte causato da litigi con Stan, per cui decide di abbandonare le scene, sollecitato dalla moglie (Shirley Henderson). A sorpresa, tuttavia, Oliver decide di riprendere il suo posto accanto a Stan, amico ritrovato, e di proseguire la tournée in Irlanda dove vengono accolti trionfalmente.

E infine, mentre scorrono sullo schermo immagini reali dell’epoca e i titoli di coda informano gli spettatori che Olio morì nel 1957 e Stanlio nel 1965, si percepisce una crescente emozione, in particolare quella di coloro che furono bambini nel dopoguerra, un’epoca difficile, ma anche ricca di ideali e speranze in un futuro migliore.

Un biopic senz’altro nostalgico e toccante, un mix di toni drammatici e comici, di vita reale e di esilaranti gag, ma soprattutto la storia di due grandi attori-amici, magistralmente interpretati da Steve Coogan e John C. Reilly, ben diretti dal regista scozzese J. S. Baird e supportati dalla sceneggiatura di Jeff Pope. Notevoli anche fotografia (Laurie Rose) e musiche (Rolfe Kent).

Ecco infine l’ultima apparizione di Stanlio e Ollio nel programma televisivo “This is your life” (1955):

https://www.youtube.com/watch?v=IRi...