INFORMAZIONE
CULTURALE
Agosto 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4984
Articoli visitati
4140492
Connessi 2241

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
15 agosto 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

ROMA SUMMER FEST 2019

Angélique Kidjo all’AUDITORIUM
venerdì 12 aprile 2019 di Comunicato Stampa

Argomenti: Arte, artisti


Segnala l'articolo ad un amico

MERCOLEDI 24 LUGLIO CAVEA ORE 21 AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA – CAVEA, ROMA BIGLIETTI DA 20 A 30 EURO + D.P.

Icona indiscussa della musica internazionale, tra le massime rappresentanti della world music e tra le voci più belle del mondo, Angélique Kidjo presenta un live speciale, vero e proprio ponte tra culture e mondi apparentemente distanti. La cantante fa infatti proprio il quarto album dei Talking Heads Remain in Light registrato dal gruppo insieme a Brian Eno nel 1980 e contaminato, a partire dall’influenza del musicista nigeriano Fela Kuti, dalla poliritmia africana, dal funk e dalla musica elettronica.

«Le idee africane erano molto più importanti da ottenere dei ritmi specifici» avrebbe affermato David Byrne, facendo riferimento non solo alla forma ma anche ai contenuti di quell’album. Ed è forse per questo che oggi la Kidjo sceglie di riportare quel mondo post-punk, di suoni e di groove, alle proprie origini in una sorta di viaggio A/R caratterizzato da nuove linee di chitarra, nuovi messaggi e una sorprendente energia.

Un vero e proprio incontro tra sonorità e culture differenti, ma anche un omaggio a una delle più grandi band della storia della musica, attraverso lo sguardo di una delle artiste più cosmopolite di sempre.