INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5067
Articoli visitati
4183562
Connessi 4

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
23 ottobre 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

MISANTROPIA DEI TEMPI NOSTRI

Misantropo di Molière al Teatro Ambra Jovinelli dal 13 al 24 marzo
venerdì 15 marzo 2019 di Patrizia Cantatore

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

All’Ambra Jovinelli ieri stasera la prima del Misantropo di Molière con Giulio Scarpati, Valeria Solarino, Blas Roca Rey, Anna Ferraioli, Matteo Cirillo, Federica Zacchia, Mauro Lamanna, Matteo Cecchi.

Il pregevole allestimento di Nora Venturini tenta di tenere insieme la Misantropia dei personaggi tra ieri e oggi, con costumi e scene che ben si adattano al 700 ma anche ai nostri tempi, coniugando stranezze e velleità di ieri e di oggi.

Gli attori danzano sulla scena tutte le tipologie umane, mostrandocele come fossero l’immagine della società riflessa nello specchio centrale che, come una porta girevole di un negozio delle vanità, diventa l’immagine umana, così grande a sottolinearne il narcisismo.

Tutti recitano una parte, incapaci di mostrare il proprio volto e allo stesso tempo incapaci di sostenere l’unico sguardo che non vuole piegarsi alle convenzioni e nemmeno all’amore.

Giulio Scarpati interpreta con veemenza Alceste, le sue ritrosie, gelosie, il suo desiderio di pretendere sacrifici dalla donna amata senza essere disposto a sacrificare la sua immagine integerrima sull’altare dell’amore.

Valeria Solarino si muove bene nei panni della donna che attira gli sguardi su di sè senza disdegnare il piacere delle macchinazioni e della burle ma, mostrando nel momento della verità il timore delle donne dalla notte dei tempi: temere che l’amato si trasformi nel proprio carceriere.

L’incapacità di superare il proprio narcisismo e la paura andando incontro all’amato, è il vero male di ogni secolo, tanto più del nostro nel quale la comunicazione, nonostante la tecnologia, è sempre più rarefatta ed impedisce a molti di saper godere di un sentimento che rende la vita degna di essere vissuta.

Uno spettacolo senza pause, che ha sapientemente dosato il comico, la farsa e il tragico con caratteristi che hanno svecchiato le maschere settecentesche della commedia di Molière attualizzandole, senza mai annoiare, permettendoci una riflessione dolce amara sulla realtà.