INFORMAZIONE
CULTURALE
Marzo 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4787
Articoli visitati
4041681
Connessi 12

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
22 marzo 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

E C’E’ ANCORA CHI VUOLE IL PONTE DI MESSINA...

Incredibile, ma vero...
mercoledì 26 dicembre 2018 di Silvana Carletti

Argomenti: Natura


Segnala l'articolo ad un amico

Mi sorge il dubbio che qualcuno viva in un altro continente o che non segua ciò che accade nel nostro Paese o, peggio, che abbia una memoria corta circa eventi storici disastrosi…

Eppure si tratta di persone che hanno governato a lungo, ahimè, dettando leggi e leggine che hanno contribuito all’inarrestabile decadenza di un’Italia stanca e delusa.

Anche oggi, l’ennesimo terremoto in Sicilia, una regione dominata dall’Etna che, ogni tanto si risveglia e fa sentire la sua presenza.

Basterebbe possedere un minimo di buonsenso per comprendere che costruire un ponte su di una base (marina) in perenne dissesto, sfiora la follia, ma, anche di recente, si è parlato di nuovo di questa opera monumentale e di grande utilità che risolverebbe enormi problemi di traffico e di collegamento tra la penisola e l’isola.

Io non sono una persona esperta in questo campo, ma penso che la natura abbia delle leggi inviolabili che ogni giorno vengono distolte e sacrificate in nome di interessi economici e politici più o meno nascosti, a danno dell’ambiente, se non della sopravvivenza umana.

Di questo passo, dove andremo a finire?

foto da Virgilio.it