INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3976201
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

I NOSTRI FIGLI: RAI UNO

Intervista al cast
mercoledì 5 dicembre 2018 di Silvana Carletti

Argomenti: Media, TV e Internet


Segnala l'articolo ad un amico

Andrà in onda domani, 6 dicembre alle ore 21 su RAI UNO, il film-tv “ I nostri figli” diretto da Andrea Porporati con un cast d’eccezione: Vanessa Incontrada e Giorgio Pasotti nel ruolo dei genitori di ben 5 ragazzi protagonisti di una storia vera accaduta nell’anno 2007.

Una vicenda drammatica che coinvolse fortemente l’opinione pubblica e che ora rivive grazie ad un film commovente e ricco di emozioni che narra la storia di un crudele femminicidio avvenuto in Sicilia, ma, come ci affermano i protagonisti, descrive, soprattutto, la tragedia di “chi resta”, dei figli privati dei genitori e senza alcun riferimento nella loro vita.

Due genitori coraggio (nella vita Carmelo e Paola), cugini della vittima, decidono di ospitare per un anno i tre ragazzi orfani nella loro casa a Senigallia ove conducono con due figli, una vita normale e tranquilla.

Le difficoltà si presentano immediatamente, data la difficilissima situazione emotiva dei ragazzi siciliani che ignorano l’uxoricidio del padre, convinti che la loro madre sia morta in un incidente stradale.

Complicato e quasi impossibile l’inserimento in un contesto nuovo e diversissimo da quello di origine, complicato poi dal licenziamento del padre acquisito (uno straordinario Giorgio Pasotti), dalla gelosia di un figlio legittimo della coppia, dalla diffidenza dell’ambiente circostante e da mille altri fattori.

Contemporaneamente e quasi di nascosto, però, cresce l’amore, la stima, la riconoscenza verso chi ha loro salvato la vita, finchè la situazione si risolverà per il meglio.

Il film affronta la tragica realtà di un’Italia sempre più segnata da crimini familiari e sottolinea la tragedia dei figli che si trovano ad affrontare una situazione di vita fino ad allora inimmaginabile.

Come ci afferma il regista, la fiction esprime amore, impegno umano e speranza per il futuro. La storia descritta parte da una ferita da rimarginare e i tre ragazzi orfani sono figli di tutti noi.

A Vanessa chiediamo se, nella vita reale, lei avrebbe accettato una situazione così drammatica.

Ci risponde che certi avvenimenti sono improvvisi ed imprevedibili e che si affrontano coraggiosamente al momento, senza riflettere troppo sulle conseguenze. Sono da ammirare i veri “genitori-eroi” che seppero impegnarsi strenuamente per la salvezza dei loro giovani nipoti, dedicando tutta la loro esistenza ad un grande atto d’amore .

Giorgio Pasotti ci dice che la sua esperienza di attore in questa storia gli ha insegnato molto, spingendolo a ridimensionare problemi che sembrano inesistenti di fronte ad un tale dramma.

Si tratta, insomma, di una storia realmente accaduta, rappresentata in questa fiction in modo veramente realistico e, allo stesso tempo, con poesia e con grande partecipazione da parte di tutto il cast, dai piccoli interpreti (bravissimi e spontanei) agli altri protagonisti.

Una vicenda esemplare che ci farà riflettere e che resterà a lungo dentro di noi.

foto pianeta donna.it e tpi.it