INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4577
Articoli visitati
3933113
Connessi 14

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
21 ottobre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

CARA EUROPA, TI SCRIVO…

Unione Europea: un sogno svanito?
mercoledì 10 ottobre 2018 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Attualità
Argomenti: Storia


Segnala l'articolo ad un amico

JPEG - 8.1 Kb
Populisti ed euroscettici

Mi è venuta in mente la canzone “L’Anno che verrà” di Lucio Dalla, mentre guardavo vari Tg con notizie allarmanti su miliardi bruciati in Borsa insieme ai risparmi di italiani onesti, su populisti e xenofobi inneggianti alle loro vittorie in Italia e all’estero e imperversanti contro l’Unione Europea nella convinzione di liberarsi da migranti e crisi economiche, come se la globalizzazione non esistesse, incuranti delle guerre che oggi si fanno anche a suon di Spread e agenzie di rating

MP3 - 4.1 Mb

Le note della canzone risuonavano nella mia memoria qua e là con alcuni versi:

-“Caro amico ti scrivo
- così mi distraggo un po’…
- L’anno vecchio è finito ormai,
- ma qualcosa ancora qui non va…
- e la televisione ha detto che il nuovo anno
- porterà una trasformazione
- e tutti quanti stiamo già aspettando…
- Sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno,
- ci sarà da mangiare e luce tutto l’anno…
- Vedi ,caro amico cosa si deve inventare
- per poter riderci sopra, per continuare a sperare…

JPEG - 9.4 Kb
Padri fondatori

”Insomma tali parole sembravano dipingere l’illusione populista e xenofoba che parla alla pancia della gente, contro il sogno di un’Europa unita e solidale

Memori della cosiddetta “guerra fredda” tra USA e URSS, in effetti, da giovani sognammo un’Europa forte e unita dai grandi valori di Pace, Democrazia e Libertà, una sorta di grande confederazione, un enorme Stato “cuscinetto” che bilanciasse il potere delle suddette superpotenze.

Pensavo a tutto ciò, mentre immagini minacciose di Spread in ascesa scorrevano sullo schermo televisivo e intanto immaginavo di dialogare con Italia ed Europa:
“Che fine farai, Italia, da secoli terra di conquista?
E tu, Europa sarai ancora in balia di paesi più forti e speculazioni finanziarie?”.

Cara Europa, ti scrivo questa lettera per ricordarti che purtroppo uno scontento generalizzato sta causando confusione e crollo di ideali, mentre cresce la delusione verso di te, indebolita da egoismo e mancanza di solidarietà, da Brexit e separatismi vari (vedi Catalogna), non più capace di incidere in modo significativo sulle politiche internazionali.

JPEG - 18.9 Kb
Manifesto di Ventotene
JPEG - 24.3 Kb
Ventotene- Targa

Cara Europa, i Padri Fondatori dell’Europa Unita, come Jean Monnet, Robert Schuman, Alcide De Gasperi, Paul-Henri Spaak, Konrad Adenauer non parlarono di banche e di Spread, ma di Pace e Libertà dopo sanguinose guerre mondiali che li indussero ad intraprendere un percorso verso l’unità europea che era iniziato con il “Manifesto di Ventotene”, elaborato negli anni ‘40 da Spinelli, Rossi e Colorni.

E ci poniamo ancora tante domande: “Perché si mettono in difficoltà i paesi più deboli? Perché l’Italia è stata lasciata sola ad affrontare il problema dei migranti, mentre venivano costruiti muri e chiuse frontiere per respingere gente martoriata da guerre, fame e orribili violenze? Eppure i migranti parlano prevalentemente in francese e in inglese, retaggio di colonialismi e neocolonialismi. Perché l’Onu non ha coinvolto tutti i paesi del mondo, in particolare quelli più potenti? Perché non si cerca di creare “vivibilità” in Africa e Asia?”.

Cara Europa, purtroppo se continueranno a predominare egoismi e alta finanza, ancora una volta saremo alla mercé di superpotenze e caste mondiali. E il problema di crisi economiche e migranti non sarà certo risolto, se non verrà affrontato non solo a livello europeo ma anche mondiale.|

JPEG - 12.7 Kb
Libro di Hemingway
JPEG - 10.3 Kb
John Donne

Per concludere vorrei ricordare la poesia di John Donne “Per chi suona la campana”(For Whom the bell tolls) e la dedico a te, vecchia Europa, poiché quando una campana rintocca ci ricorda che siamo una parte di un “insieme” e le nostre azioni si ripercuotono sugli altri.

Non a caso Ernest Hemingway s’ispirò a J. Donne per il titolo del suo famoso romanzo “Per chi suona la campana”, in cui la guerra è vista come un mostro sanguinario che uccide uomini messi gli uni contro gli altri, pedine di una scacchiera in cui le mosse sono decise dai potenti e da interessi di vario genere. E la campana suona per ricordarci che individualismo ed egoismo ci sminuiscono e arrecano solo danni. Ecco la poesia di J. Donne:

Nessun uomo è un’isola,
completo in se stesso.
Ogni uomo è parte della Terra, _una parte del tutto
Se una zolla è portata via dal mare,
l’Europa risulta essere più piccola,
come se fosse un promontorio
come se fosse una tua proprietà, _oppure quella di tuoi amici,
La morte di ciascun uomo mi sminuisce,
perché faccio parte del genere umano
E perciò non chiederti
per chi suoni la campana.
Essa suona per te.

P.S.

Ed ecco la poesia in inglese:

No man is an island,
entire of itself.
Each is a piece of the continent,
a part of the main.
If a clod be washed away by the sea,
Europe is the less.
As well as if a promontory were,
as well as if a manor of thine own,
or of thine friends’ were.
Each man’s death diminishes me,
for I am involved in mankind.
Therefore, send not to know
for whom the bell tolls,
It tolls for thee.