INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4556
Articoli visitati
3914060
Connessi 11

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
24 settembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

A SCUOLA CON IL PESO SULLE SPALLE

LIBRI VOLUMINOSI A TRACOLLA
venerdì 14 settembre 2018 di Silvana Carletti

Argomenti: Società


Segnala l'articolo ad un amico

Non è la prima volta che si parla dell’assurdità di caricare sulle spalle di bambini delle Scuole primarie, pesanti sacchi con libri altrettanto voluminosi.

Questo inconveniente che si ripete regolarmente ogni mattina, crea disagi alla salute dei piccoli alunni, provocando uno sforzo non indifferente alla spina dorsale, oltre a difficoltà di movimento e di sistemazione in autobus, moto e quant’altro venga usato per accompagnarli a scuola.

Se ne parla, ma, finora, non si è fatto nulla per “alleggerire” la questione o, meglio, per risolverla.

La migliore soluzione sarebbe quella di creare appositi armadietti ove lasciare il materiale scolastico quotidiano; ma stiamo parlando di fantascienza.

In una scuola italiana ove ci sono rischi di crollo, ove mancano banchi e materiale igienico, figurarsi la creazione di armadi per studenti…

Allora, sarebbe preferibile poter sistemare sotto il proprio banco, libri e materiale pesante, senza portare a casa ciò che non serve, dato che i famosi “compiti” sono stati quasi del tutto, eliminati o vengono svolti nei doposcuola.

E’ l’ennesimo invito a riflettere su questa assurdità che rischia di rendere ancora più “pesante”, sicuramente a livello fisico, l’ingresso e l’uscita dagli edifici scolastici dei nostri piccoli studenti.