INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4556
Articoli visitati
3914060
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
24 settembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

TEATRO LIBERO DI REBIBBIA

in LA RIVOLUZIONE ALLA SUDAMERICANA
sabato 9 giugno 2018 di Comunicato Stampa

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

28 giugno 2018 ore 16.00 - ingresso pubblico ore 15.00 Via Raffaele Majetti, 70

Regia e adattamento di Laura Andreini Salerno
Regista assistente Giuditta Cambieri
Aiuto Regia Francesca Di Giuseppe

Protagonisti: la Compagnia del Reparto G8 del carcere di Rebibbia N. C

Sarà in scena il 28 giugno, presso il carcere di Rebibbia Nuovo Complesso, il nuovo spettacolo della Compagnia del Reparto G8 di Rebibbia N.C. guidata da Laura Andreini Salerno

Con La Rivoluzione alla Sudamericana, ispirata all’opera del drammaturgo brasiliano Augusto Boal, la Compagnia del Reparto G8 del carcere di Rebibbia N. C porta in scena un’opera corale, un grande gioco teatrale frutto di un lavoro complesso compiuto sul corpo, sul movimento, sul ritmo.

Cogliendone gli aspetti comici e surreali, si racconta la storia di José, un modesto e affamato operaio in cerca di riscatto. La sua vicenda diviene il paradigma di molte esistenze.

Per restituire l’universalità di questa storia, la figura stessa del protagonista è stata scomposta e José acquisisce, di volta in volta, fattezze e dialetti diversi, a testimoniare non solo che la storia del protagonista è comune agli attori che la interpretano, ma che essa rappresenta la condizione umana in sé: quella ricerca costante che ci porta a interrogarci, a sperimentare, a fallire e poi a cercare nuovi cammini da intraprendere.

La storia di José è soprattutto una storia di solitudine. L’eterna solitudine dell’uomo, a cui sfugge il senso ultimo dell’esistenza e che continua inutilmente ad affannarsi alla ricerca di ascolto e di risposte. La tragicità della vicenda viene raccontata con ironia a sottolineare l’aspetto grottesco delle situazioni in cui si trovano i personaggi.

Direzione Artistica Laura Andreini Salerno e Fabio Cavalli

Organizzazione Alessandro De Nino