INFORMAZIONE
CULTURALE
Agosto 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4523
Articoli visitati
3893181
Connessi 12

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 agosto 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

OMICIDIO STRADALE

DOLOSO O COLPOSO?
mercoledì 16 maggio 2018 di Andrea Agostini

Argomenti: Diritto


Segnala l'articolo ad un amico

Cammini sereno lungo una strada, pensi al lavoro, al calcio, agli affetti dei tuoi cari, quando all’improvviso un automobilista perde il controllo della sua auto e la tua vita è spezzata.

Una terribile tragedia che deve spingere tutti a una più ampia riflessione sulla politica della sicurezza stradale.

Infatti negli anni abbiamo assistito a fatti di cronaca che hanno suscitato sdegno e rabbia allorquando l’ubriaco o il drogato di turno si metteva al volante magari pure a folle velocità o contromano e causava la morte di tanti.

Le Procure tentavano l’incriminazione per omicidio doloso, ma questo veniva derubricato in colposo e la condanna media si aggirava intorno ai 2 anni e 8 mesi.

Al fine di togliere dalla strada queste “mine vaganti” e assicurarle alla giustizia è intervenuto il governo Renzi con la legge 23 marzo 2016, n. 41, che ha introdotto i reati di omicidio stradale, art.589 bis c.p., e di lesioni personali stradali gravi o gravissime, art.590 bis c.p. dando un significativo giro di vite.

In sintesi si prevede che: •Nell’omicidio stradale la reclusione va da 2 a 7 anni se la morte è causata per violazione del codice della strada, pena che sale da 5 a 10 anni, se il tasso alcolico dell’omicida supera 0,8 g/l o se l’incidente è avvenuto per condotte particolarmente gravi (guida contro mano, eccesso di velocità, sorpassi e inversioni a rischio, infrazioni ai semafori), pena che sale ancora da 8 a 12 anni se il tasso alcolico supera 1,5 g/l o si è sotto l’effetto di droghe;

•Le lesioni personali stradali sono punite con reclusione da 3 mesi a 1 anno se gravi e a 3 anni se gravissime, pene che aumentano fino a 5 e 7 anni in presenza di alcol e droghe; •La fuga del conducente dopo l’incidente aggrava la pena, che comunque non potrà essere inferiore a 5 anni per l’omicidio stradale e a 3 anni per le lesioni. •La patente è sospesa in attesa di giudizio e revocata in caso di condanna, occorrono anni per riaverla. •La procedibilità contro il responsabile del sinistro è di ufficio in presenza di lesioni con prognosi superiori a 40 giorni.

Ebbene nonostante l’inasprimento delle sanzioni del 2016, le morti per incidente stradale nel 2017 sono aumentate e ancor più sono in aumento nel 2018, parola del Capo della Polizia Franco Gabrielli.

La verità è che solo un agente ben visibile in strada può fermare un guidatore ubriaco o drogato, ma questo significa investire in sicurezza stradale, che è anche sicurezza dei veicoli e delle infrastrutture, ma si sa che l’Italia investe solo 90 centesimi pro capite a dispetto della media europea di 11 euro e a fronte dei 20 euro della Spagna e dei 39 euro della Francia.

L’esperienza insegna poi che solo la procedibilità a querela agevola il risarcimento dei danni alle vittime della strada: il danneggiante grazie all’assicurazione risarcisce in via transattiva il danneggiato e questi rimette la querela.

Quando ciò non è possibile si va incontro a dibattimenti aspri e con costi alti per il sistema e le parti anche per ingaggiare esperti di cinematica e medicina legale. Accade così che un imputato può restare sotto processo con le relative spese e angosce più di 10 anni anche per un incidente da 41 giorni di prognosi che avrebbe voluto e potuto chiudere in un mese risarcendo il danno.

L’auspicio è quindi che si investa in sicurezza stradale e si favorisca il risarcimento delle vittime della strada.

Foto Studio Garbi